Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

Aguaplano: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0

Leggi il testo: Link

"Le quattro divinità del piano sono Fats Waller, Earl Hines, Teddy Wilson e Art Tatum." (Paolo Conte)


Aguaplano

1987 - P.Conte, Ed. Sugarmusic/L'alternativa


"Una volta feci un pellegrinaggio pianistico a Stoccarda. Ero lì per un concerto e ne approfittai per vedere la ditta che costruì il pianoforte di mio padre: un mezzacoda Schiedermayer-Stuttgart degli anni Trenta. Per tutta la vita ho avuta questa scritta sotto gli occhi. E siccome tutte le mie canzoni sono nate su questo pianoforte, che è il ricordo vivente di mio padre, ho voluto vedere dov'era stato fabbricato. Era un po' come tornare a casa. Disgraziatamente, in Germania come altrove, le cose sono cambiate. Questa fabbrica non esiste più. Volevo provare un istante di tenerezza, ma ormai era tutto finito…".

Nel ventennale della sua carriera di compositore, era inevitabile che Paolo Conte rendesse omaggio allo strumento che ha trasportato lui e milioni di persone in luoghi pieni di esotismo e magia, lontani dalla malinconia urbana di "Azzurro". Fu così che nel 1987 tale omaggio fu scelto per il titolo e l'apertura del primo album doppio di Conte - a detta della maggior parte dei critici, il disco della definitiva consacrazione. E se c'è un pezzo adatto a riassumere Paolo Conte, forse è proprio questo, in cui un piano da concerto ("a coda lunga, nero") naviga gentilmente in mezzo al mare, lasciando interdetti i passeggeri di un altrettanto avventuroso piccolo aeroplano, i quali davanti a "una storia molto complicata" si affrettano a tornare "nel bel mondo dal colore baio".

Molto efficace in proposito il commento di Enrico De Angelis sul volume "Conte": "Percussioni africaneggianti, un'eco di flauto andino, il colto pianoforte europeo, poi gli archi (elettronici), e la liberazione nella svelta batteria jazzata. In questa canzone la musica è protagonista anche nel testo, che curiosamente riprende una vecchia pervicace idea di Conte già testimoniata nel programma radiofonico 'Mocambo Bar' e nella poesia 'Il pianista del Madagascar': quel pianoforte nero naufragato in mezzo al mare, oggetto apparente di idolatria, in realtà segno umanissimo e poetico. Una canzone particolarmente ispirata, perché il pianoforte per Conte è mistero, arte, sentimento, eros. Proprio per questo l'aguaplano, o cosa diavolo è, vira e se ne torna indietro: c'è quasi sempre in Conte una chiusa sdegnosa diffidenza a concedersi, ad abbandonarsi, che verrà sì da paure, sdifucie, motivate timidezze esistenziali, ma pur sempre trasformate in calcolato isolamento. Lui lascia capire, che sa che sa che sa, intuisce e descrive l'erotismo, ma non lo realizza".


Interpreti

L'astigiano Paolo Conte, uno dei massimi artisti della canzone italiana, ha iniziato la carriera alternando la professione di avvocato a quella di autore di musiche per brani salutati da un notevole successo ("La coppia più bella del mondo", "Azzurro", "Genova per noi", "Onda su onda"). A partire dalla metà degli anni '70 si decide a diventare a tutti gli effetti cantautore. Gli anni '80 sono quelli della consacrazione europea: il suo stile che fonde swing, esotiche milonghe e "fisarmoniche di Stradella" conquista Francia e Olanda; nel 1998 anche l'America si accorge di lui: "Rolling Stone" e il "New Yorker" inseriscono la sua raccolta "The best" tra i 50 dischi dell'anno, il regista Lawrence Kasdan imita Roberto Benigni (che lo aveva fatto in "Tu mi turbi") ed inserisce "Via con me" nel suo film "French kiss" con Meg Ryan e Kevin Kline. Nel frattempo Conte dirada le sue uscite discografiche per dedicarsi al progetto del musical "Razmataz".


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin