Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

WWW mi piaci tu: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0



"E' una canzone allegra, molto dance. Noi facciamo rock, ma d'estate è noioso, va bene per l'inverno. Quando c'è il sole la gente vuole ballare e divertirsi" (Federico Paciotti, Gazosa)


WWW mi piaci tu

2001, S. Nasuti-R. Zanetti, Ed. Sugar/Extravaganze Publishing srl


Quello dei 'tormentoni' estivi è un fenomeno cui si è ormai fatta l'abitudine: dai tempi di 'Marina' e 'Sapore di sale', ogni annata è caratterizzata da ritornelli dai quali è difficile non farsi contagiare.

Ma da questo punto di vista l'estate 2001 è particolarmente ricca. Ecco solo alcuni dei numerosi articoli usciti a commentare l'insolita messe. Giusto ricordare 'Candela' di Noelia, 'Tre parole' di Valeria Rossi - ma nonostante una posizione relativamente bassa in hit-parade (non salirà mai al di sopra del n.4), un brano la cui presa "TV Sorrisi e Canzoni" descrive in questo modo:
"Non c'è modo di resistere. Ci si può barricare sotto pile di dischi d'epoca o ascoltare alla radio soltanto trasmissioni di musica classica. Ma poi, quando il pericolo sembra scampato, quando stremati dal caldo si allentano le difese, e magari ci si sente al sicuro protetti dal box doccia, ecco che 'lui' parte all'attacco. E' un attimo: dapprima ci si muove a ritmo, e poi si comincia a cantare 'vuvuvu, mi piaci tu'. Ed è fatta: la trappola del tormentone è scattata".

Il segreto del successo del brano dei Gazosa va ricercato in una melodia orecchiabile, un riferimento al mondo di Internet che si è ormai definitivamente affermato moderno, e - inutile negarlo - alla spinta degli spot televisivi di Omnitel-Vodafone (circa 300 alla settimana sulle reti nazionali). Il sodalizio nasce a Sanremo: Omnitel è sponsor del Festival di Sanremo, la cui sezione Giovani è vinta dai Gazosa con 'Stai con me forever'. In un'intervista di Alfredo D'Agnese ("Il Venerdì di Repubblica"), Federico Paciotti, chitarrista del gruppo, spiega: "Con Caterina Caselli stavamo cercando una canzone adatta al linguaggio di noi adolescenti. Quando è arrivato il brano giusto abbiamo persino creato un sito ad hoc. Poi è arrivata la proposta della Omnitel che adesso sponsorizza anche il sito www.mipiacitu.it".

Per molti critici il successo della canzone rappresenta la consacrazione del potere degli spot pubblicitari, da anni più abili della radio nel creare successi da classifica. Molto interessante la spiegazione di Mario Luzzatto Fegiz del "Corriere della Sera": "Gli investimenti di un'industria di beni di largo consumo nella realizzazione e diffusione di uno spot sono enormi rispetto a quelli di una major discografica, che non potrà mai disporre delle risorse sufficienti per garantirsi una visibilità secondo sofisticate e costose strategie. (…) Usate negli spot, le musiche acquistano una forza incredibile, spingendo spesso il pubblico a scoprire dischi usciti magari due anni prima nella generale indifferenza. Queste canzoni lanciate dalla pubblicità sono talmente ricercate che periodicamente vengono pubblicate compilation ('Top of the spot' la più nota) che raccolgono opere eterogenee, legate soltanto dal fatto di essere entrate di prepotenza nel quotidiano della gente. Questa varietà stilistica delle musiche lanciate dalla pubblicità è rassicurante: significa infatti che non si è verificata fra gli autori e gli artisti una corsa al manierismo creativo 'formato spot', come viceversa è avvenuto - e avviene - per chi vuol partecipare al Festival di Sanremo, allo Zecchino d'Oro o al prossimo disco di Mina".


Gli interpreti

I gazosa

Jessica Morlacchi (nata a Roma nel 1987) è figlia di un musicista: a 8 anni, per Natale riceve un basso elettrico. Anche Valentina (Roma, 1985), tastierista, e Federico Paciotti (Roma, 1987), chitarrista, sono figli di un musicista. Vincenzo Siani (Cetara, Salerno, 1986) si esibisce per la prima volta come batterista a 6 anni, con la band del padre. I quattro si incontrano presso gli studi di registrazione Stemma di Roma e formano i Zeta Beta. I responsabili degli studi, colpiti dalle loro doti artistiche, decidono di produrre il loro primo singolo, 'Mamma mia' degli Abba, con il nome di Zeta Beta. Il nome viene poi cambiato, su suggerimento di Caterina Caselli che li mette sotto contratto, in Gazosa. Questo è anche il titolo del primo album, cantato in inglese ed uscito nel giugno 2000 dopo la pubblicazione del singolo "Please". Nell'album ci sono le "cover" di canzoni di Anouk e Blur. Nel febbraio 2001 i Gazosa vincono il Festival di Sanremo nella sezione Giovani, con "Stai con me (Forever)". Pochi mesi dopo, il brano che li lancia definitivamente, www.mipiacitu, tormentone estivo abbinato allo spot pubblicitario di una nota compagnia telefonica.


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin