Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

Malinverno: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0



Malinverno

1991, Raf - B.Dati, Ed. Sugarmusic/Il Bigallo/Girotondo


Piccolo gioiello misconosciuto della canzone italiana degli anni '90, è uno dei brani preferiti da Raf tra quelli da lui scritti.

Beppe Dati, autore di un testo che in punta di piedi evoca Eugenio Montale ('malinverno', 'il male di vivere'…), ricorda di essere stato molto colpito quando, nel 1991, ricevette il nastro dal cantante, con cui aveva cominciato a collaborare un paio di anni prima - realizzando tra l'altro 'Cosa resterà degli anni '80'. "Quando Raf mi dette la cassetta io mi misi ad ascoltarla in treno…E mi prese un senso di tristezza fortissimo, con questa musica struggente, con un inizio così drammatico e poi una serie di accordi malinconici… Il testo lo scrissi prendendo spunto dal provino di Raf, cantato in inglese maccheronico, molto dolce, molto musicale. Lui partiva con 'And…(pausa lunga abbastanza da berci un caffè) I'm wanting to be…(altra pausa, altro caffè…)'. Questa è un'introduzione, pensai: che gli si racconta qui? Allora cominciai a lavorare all'idea di una storia: un uomo che torna a Rimini, dove d'estate ha vissuto un amore, ma ora è inverno, in tutti i sensi. Così, torna per ricordare quei 3 giorni in quella città affascinante ma triste, perché c'è 'tanta solitudine in fondo all'allegria'... Torna e - masochista - prende quella stessa camera d'albergo. E all'inizio immagino che si guardi intorno, grazie anche alle lunghe pause nel cantato".

Ma nelle strofe successive, il sentimento emerge con tutta la sua forza, e le pause scompaiono: le strofe si fanno lunghe, serrate, disperate: ad avviare il cambio di velocità è la frase "Dove sei, coi sandali?". Il cantato originale, svela Dati, era: "When you say, oh suddenly…". "Io pensai: '…Suddenly? Sandali!' Mi misi a canticchiare la frase davanti a Raf e lui rimase sbalordito. Gli domandai: non ti piace? Ma lui era entusiasta: no, no, è fortissimo!"

Inclusa nell'album 'Sogni…è tutto quello che c'è", la canzone venne arrangiata da Dado Parisini, e arricchita dagli assoli finali di due dei più grandi session-men italiani: il chitarrista Andrea Braido e il sassofonista Stefano 'Cocco' Cantini, sulle cui ultime note sovrapposte al suono della marea 'rinviene' il brano acustico che apre e chiude l'album, 'Sogni'. 'Malinverno' non è stata proposta come singolo in occasione dell'uscita del CD, anche a causa della concomitante presenza di altri brani importanti ('Interminatamente', 'Oggi un Dio non ho' e 'Siamo soli nell'immenso vuoto che c'è'), ma il suo momento è arrivato sei anni dopo, in una nuova versione stile "jungle" di oltre 6 minuti, pubblicata in occasione del ritorno del "Disco per l'Estate". E non solo: Raf l'ha affrontata nuovamente con passo molto più lento, vagamente jazzato (quasi 'lounge', ma con ritmica 'uptempo') per la sua raccolta 'Collezione temporanea'. Nell'occasione, il testo contiene una variante: non viene citata 'quella stanza che tu sai', perché la frase diventa: "Quanta solitudine, chissà se un po' anche tu ne avrai".


Gli interpreti

Raffaele Riefoli ("Raf") è nato a Margherita di Savoia (Fg) nel 1959. Trasferitosi a Firenze, incontra Ghigo Renzulli (poi nei Litfiba), con il quale fonda il gruppo Cafè Caracas. Dopo qualche anno trascorso a Londra, torna a Firenze dove incrocia Giancarlo Bigazzi, con il quale nel 1984 realizza 'Self control', suo maggiore successo mondiale, inclusa in un album interamente cantato in inglese. Negli anni successivi Raf cerca di sganciarsi dall'etichetta di artista dance e tenta di proporsi come interprete pop italiano, ma ne avrà occasione solo nel 1987 grazie al duetto "Gente di mare" con Umberto Tozzi, che grazie a una sua canzone ("Si può dare di più") ha appena vinto Sanremo. A partire da quel momento, lentamente ma inesorabilmente Raf raccoglie consensi grazie ad album come "Cosa resterà…", "Sogni" e "Cannibali", lavorando dapprima con Bigazzi e poi con i parolieri Beppe Dati e Cheope. Dopo il coraggioso ma non troppo fortunato album rock "La prova" (1998) nel 2001 domina le classifiche con "Iperbole", debutto da cantautore a tutti gli effetti per un ritorno al pop italiano, campo nel quale rimane uno degli artisti più apprezzati e versatili.


Gli autori

Raf

Beppe Dati
Dopo aver tentato la strada solista incidendo un album nel 1982 e musicando alcune filastrocche di Gianni Rodari, a partire dalla metà degli anni '80 Beppe Dati diventa uno dei più apprezzati autori italiani: scrive alcuni dei più noti brani di Raf (tra questi, 'Interminatamente' e 'Cosa resterà degli anni '80'), ottiene un grande successo con 'Disperato', che nel 1990 Marco Masini porta a vincere il Festival di Sanremo nella categoria Giovani. L'anno successivo stessa sorte ottiene 'Le persone inutili', che inaugura il suo sodalizio con Paolo Vallesi; fortunata anche la collaborazione con Alessandro Canino, che incide la sua 'Brutta'. Negli ultimi anni è diventato uno degli autori prediletti di Laura Pausini.


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin