Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

Non pensare a me: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0

Leggi il testo: Link

Non pensare a me

1967, A. Testa-E.Sciorilli, Ed. Mascotte/Fonit Cetra Music Publishing


"Nel festival che doveva registrare il suicidio assurdo di Tenco, mi presi l'ennesima soddisfazione vincendo per la quarta volta a Sanremo in coppia con Iva Zanicchi. La nostra canzone, che richiamava alla lontana 'Strangers in the night', il motivo di Sinatra allora sulla bocca di tutti, si intitolava 'Non pensare a me'".
Nella sua autobiografia "Una vita stupenda" (Mondadori) Claudio Villa dedica poche righe alla vittoria che, nel 1967, gli permise di raggiungere Domenico Modugno nella classifica dei vincitori del Festival. Qualche suggerimento su tanta, insolita concisione (estesa al giudizio sul suicidio di Tenco) viene dal "Dizionario delle canzoni italiane" (Dario Salvatori, elleu multimedia), che la definisce: "la meno trasparente delle sue vittorie. La vittoria parve a tutti una sorta di impuntatura di Villa e nulla più, e inoltre servì a poco all'Eurofestival, dove non valse più di un undicesimo posto, facendo fare al reuccio una mezza figura da comprimario; ebbe tuttavia un buon lancio in Francia grazie all'interpretazione dei Mirelle Mathieu. A Sanremo la cantò con lui Iva Zanicchi, che certamente la rese più interessante, anche se inizialmente avrebbe dovuto farlo Aura D'Angelo, cantante genovese già nella squadra di Villa a Canzonissima, poi sacrificata a logiche discografiche".

Ancora più tagliente con 'Non pensare a me' è il libro "L'Italia di Sanremo" (Mondadori), nel quale Gianni Borgna scrive: "Nonostante la bravura della Zanicchi e di Villa, la canzone, che non fa a meno della trovatina ritmica, tempo quattro quarti ma battuti così, è una canzone piuttosto banale e insignificante. Riesce difatti a vendere 200.000 copie in tutto, e viene travolta da 'Quando dico che ti amo' e soprattutto 'Cuore matto' (un milione di copie vendute, l'ultimo grande exploit della storia di Sanremo)".

Anche se vale la pena sottolineare che 200.000 copie vendute, oggi, farebbero commuovere qualsiasi discografico, è vero che il verdetto viene seguito da un certo stupore: una giuria composta per tre quarti di giovani, l'anno successivo all'esplosione del "beat", finisce col premiare un brano di impianto più che mai tradizionale. All'uscita del Casinò, i vincitori vengono fischiati da parte del pubblico. Il settimanale "Bolero" apre il dibattito: "Il crack di Sanremo XVII ha confermato che la canzone italiana è malata. Il Festival ha presentato una produzione scadente che ha rivelato quanto sia grave in Italia la situazione della nostra canzone". Umberto Bindi, Gene Colonnello, Ezio Radaelli, Bobby Solo, decretano che il problema c'è. Lo stesso Giovan Battista Ansoldi, discografico di Iva Zanicchi, ammette: "La canzone italiana è malata perché imita stili stranieri". Franco Migliacci, paroliere di Morandi e autore di 'Volare', definisce 'Non pensare a me' un brano "inutile". Renato Rascel si dice felice per Claudio Villa, ma solo Pippo Baudo si sbilancia e sostiene: "La canzone vincitrice è una bella canzone".

Eros Sciorilli, autore del brano insieme ad Alberto Testa (noto per "Quando quando quando" e "Un anno d'amore") afferma: "'Non pensare a me' è piaciuta e quindi ha la giovinezza delle cose attuali e vive. Vi siete mai chiesti se la mia canzone non sia molto più giovane ed avanti nei tempi di quei motivi che oggi vanno per la maggiore? Il successo di Sinatra dovrebbe insegnare qualcosa. E il secondo posto a Sanremo di 'Quando dico che ti amo', un motivo di genere dixieland anni '30 dovrebbe insegnare pure qualche altra cosa". In tanto dibattito, forte degli elogi dei critici e dello stesso Villa, che le riconoscerà un notevole contributo alla vittoria, interviene lucidamente Iva Zanicchi, che anticipa di almeno vent'anni le polemiche sullo "stile sanremese" commentando: "E' una canzone da festival. Interpretandola, Villa si è rivolto al pubblico in genere, io mi sono rivolta soprattutto ai giovani... Purtroppo la mia gioia è stata offuscata dalla tragedia di Tenco", conclude la cantante.


Gli interpreti

Claudio Villa (vero nome: Claudio Pica), nato a Roma nel 1926, è stato uno dei più grandi protagonisti della musica leggera italiana. Dopo qualche anno di gavetta, negli anni '50 diventa il più popolare interprete italiano, tanto da guadagnarsi il soprannome di "Reuccio". Grazie alla sua voce squillante e tenorile vince quattro edizioni di Sanremo (nel 1955 con Buongiorno Tristezza, nel 1957 con Corde della mia chitarra, nel 1962 con Addio... addio e nel 1967 con Non pensare a me). Grazie al suo temperamento riesce a contrastare almeno due generazioni di contestatori (memorabile un suo confronto televisivo con i giovani estimatori del "beat", in un programma di Renzo Arbore). Negli anni '70, pur superato musicalmente, si riaffaccia con una certa regolarità - in particolare per criticare con veemenza l'organizzazione del Festival di Sanremo. La sua uscita di scena è tale da ricordare i numerosi film da lui interpretati: si spegne nel 1987 durante la serata finale dell'amato e odiato Festival: Pippo Baudo dà l'annuncio della sua dipartita poco prima di annunciare i vincitori.

Iva Zanicchi nata a Vaglie di Ligonchio (RE) il 18 gennaio del 1940. Inizia a cantare nel 1960 come concorrente a "Campanile sera". La sua carriera subisce una svolta nel 1962 quando a Castrocaro, al festival per le voci nuove, si classifica terza. Il primo successo "Come ti vorrei" registrato nel 1964. Vince il Festival di Sanremo nel 1967 con "Non pensare a me", nel 1969 con "Zingara", e nel 1974 con "Ciao cara come stai". Nel 1985 inizia a lavorare in televisione.


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin