Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

Max: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0



Max

1987 - P.Conte, Ed. Sugarmusic/L'alternativa


Una delle canzoni di Paolo Conte più amate dai suoi estimatori e più conosciute all'estero (in Olanda, dove è uscita come singolo, ha addirittura ottenuto il disco di platino), 'Max' sembra imparentata con un brano composto qualche anno prima, 'Hemingway'.

Entrambe si aprono con un testo appena accennato, un tentativo di confrontarsi con un mistero al quale segue un'apparente rinuncia, e allora Conte lascia che sia la musica a comunicare quanto le parole riescono a malapena ad evocare. E la musica prende il sopravvento con un incedere che potremmo definire "a spirale": il crescendo di una frase che ritorna su se stessa, e riparte ogni volta un po' più forte. "La ripetizione in Conte risponde a un'autentica urgenza espressiva, qui il crescendo ha la stessa funzione incantatoria e magica che ha nel Bolero di Ravel: lo scopo è di portarci altrove, in luoghi mai visti, o meglio inauditi", ha scritto Paolo Damiani in "Paolo Conte, 60 anni da poeta": 'Un brano lucido e tranquillo, forse folle come le sue 17 battute. Migliore mi sembra la versione live, meno pesante il crescendo finale e più convincenti i timbri dei sassofoni soprano e tenore rispetto agli archi (presumibilmente campionati) della versione in studio. Davvero trascinante la coda, solo strumentale. (…) Ci sono due temi, il primo di nove battute, esposto dal tenore; il secondo di otto, con il soprano. Le due melodie portano lontano, forse Max non è così tranquillo come vuol farci credere: 'Fammi scendere, Max…' Il brano è semplice ed efficace al tempo stesso. Presenta alcune particolarità strutturali, un giro di 17 battute e il canto che si ferma dopo 13, due numeri piuttosto particolari, carichi di significati".

Interessanti anche le annotazioni sul testo svolte da Paolo Jachia nel libro "La canzone d'autore" (Feltrinelli): "Conte ha un gusto straordinario per il suono evocativo delle parole e per la potenzialità che hanno di essere incantatrici; va aggiunto che il suo è un procedimento prima musicale poi logico-testuale, ma sempre guidato da una strategia sensuale ed evocativa. Il testo di 'Max' è composto di pochi versi, di cui nessuno sembra avere un senso compiuto. 'Fammi scendere, Max, vedo un segreto avvicinarsi qui'. Potrebbe essere la morte il segreto, il mistero, oppure… In realtà è solo la musica a darci una spiegazione (una non-spiegazione): di quello che accade: è una musica dove si sente quanto Conte abbia studiato la tecnica ipnotico-musicale di Ravel, il suo crescere a spirale fino a inghiottire il tempo e il senso. Questo è Max e il suo mistero, ma 'la semplicità non semplifica' e il mistero della vita, della morte, dell'amore 'non si spiega'; ed è la musica che si ripete ossessivamente a portarci via, ad ammaliarci in un altrove assoluto, e infatti, cadute in fretta le parole, la musica della canzone potrebbe non finire mai. Un particolare lessicale: la parola 'segreto' richiama altre parole semanticamente vicine a questa e che con questa costituiscono - al di là degli esotismi - la vera 'ossatura' delle canzoni di Paolo Conte, ossia: mistero, arcano, algebrico, incantesimo, abisso, oscurità, parlare difficile, rebus, ancestrale, silenzio, eternità, enigma, illogico, nonsense, insomma 'una canzone che diceva e non diceva'".


Interpreti

L'astigiano Paolo Conte, uno dei massimi artisti della canzone italiana, ha iniziato la carriera alternando la professione di avvocato a quella di autore di musiche per brani salutati da un notevole successo ("La coppia più bella del mondo", "Azzurro", "Genova per noi", "Onda su onda"). A partire dalla metà degli anni '70 si decide a diventare a tutti gli effetti cantautore. Gli anni '80 sono quelli della consacrazione europea: il suo stile che fonde swing, esotiche milonghe e "fisarmoniche di Stradella" conquista Francia e Olanda; nel 1998 anche l'America si accorge di lui: "Rolling Stone" e il "New Yorker" inseriscono la sua raccolta "The best" tra i 50 dischi dell'anno, il regista Lawrence Kasdan imita Roberto Benigni (che lo aveva fatto in "Tu mi turbi") ed inserisce "Via con me" nel suo film "French kiss" con Meg Ryan e Kevin Kline. Nel frattempo Conte dirada le sue uscite discografiche per dedicarsi al progetto del musical "Razmataz".


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin