Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

Lisa dagli occhi blu: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0

Leggi il testo: Link

"Non credo proprio di essere un fuoco di paglia. Temo proprio che d'ora innanzi mi vedrete spesso" (Mario Tessuto, 1969)


Lisa dagli occhi blu

1969, C.Cavallaro - G.Bigazzi, Ed. Tiber


L'edizione del 1969 di "Un disco per l'estate" si conclude con la vittoria di "Pensando a te", cantata da Al Bano. La manifestazione di Saint Vincent, nonostante la conduzione di Renzo Arbore e Gianni Boncompagni, non è accolta da eccessivo entusiasmo. L'unica ventata di novità viene dalla canzone che si aggiudica il secondo posto: "Lisa dagli occhi blu".

La canta Mario Tessuto, 23enne cantante pressoché sconosciuto al grande pubblico. Dopo sette anni di gavetta, l'interprete campano si ritrova improvvisamente catapultato nel giro dei big: in breve tempo, gli viene riservato un trattamento da divo, con tanto di ragazzine urlanti e pettegolezzi (gli viene anche attribuito un flirt con la valletta della trasmissione tv "Settevoci", Daniela Ghibli). "Lisa dagli occhi blu" è infatti uno dei best-seller assoluti del 1969: resta nella hit-parade da giugno a settembre, mantenendo il primo posto per 4 settimane. Le cifre di vendita dichiarate variano con disinvoltura da uno a due milioni di copie (le necessità promozionali raramente vanno d'accordo con l'esattezza delle stime…). Quel che è certo è che "Lisa" esce in un periodo di grande espansione del mercato discografico italiano e la sua lunga permanenza in classifica autorizza a credere alle sette cifre. Al di là dei risultati commerciali, la canzone diventa un classico dell'epoca: non a caso verrà puntualmente ripescata negli anni successivi, sull'onda della nostalgia per gli anni '60. Purtroppo, Tessuto non riuscirà a ripetersi, e la sua carriera di cantante sarà indissolubilmente legata a tale canzone.


La debacle

"'Nasino in su' mi piace molto, e credo proprio che riuscirò a ripetere il successo del Disco per l'Estate. Magari non un milione di copie: mi accontenterei di qualche copia in meno…" (Mario Tessuto, 1969)


La grande accoglienza di "Lisa" sembra preludere a una carriera da divo, ma per Tessuto arriva un'inopinata battuta d'arresto già con il 45 giri successivo, "Nasino in su", sempre firmato da Giancarlo Bigazzi e Claudio Cavallaro.
La canzone riesce a ottenere un discreto successo, ma è comunque un netto passo indietro rispetto alle vendite milionarie del brano precedente, e contribuisce a trasformare il cantante da "rivelazione del 1969" a "meteora".

In seguito, Bigazzi ammetterà di aver commesso un errore di valutazione nell'insistere sul brano come successore dell'exploit estivo: non riuscendo a ripetersi immediatamente, Tessuto comincia ad essere perseguitato dal confronto con il suo brano più noto, che col tempo diventerà sempre più schiacciante. Comunque il cantante non sparisce: nel 1970 lo si ritrova al Festival di Sanremo, dove canta "Tipitipitì" in coppia con Orietta Berti; in seguito partecipa a diverse altre edizioni del "Disco per l'Estate", ma senza più riuscire a replicare l'impatto della canzone più celebre.
In questi anni Tessuto ha continuato a cantare, incidere dischi (anche con la moglie Donatella) e scrivere canzoni (ha firmato, tra l'altro, dei pezzi per Loredana Bertè, Adriano Celentano e Zucchero). Ma ha coltivato anche un'altra sua passione, la gastronomia: "Lucio Battisti diceva che i miei bucatini all'amatriciana erano migliori persino di quelli di Roma… Se io cantassi come faccio da mangiare, sarei Frank Sinatra". Quando si è trattato di aprire un ristorante - con sala da ballo - a Besate, in Brianza, la scelta del nome è stata quasi obbligata: "Lisa dagli occhi blu".


Il cantante

Il protagonista dell'exploit dell'estate 1969 non è un esordiente assoluto nel mondo della canzone.

Tessuto si chiama in realtà Mario Bongiovanni ed è nato a Pignataro, in provincia di Caserta il 7 settembre 1945, figlio di una coppia di operai che emigrati a Milano.

Qui Mario studia fino alla quarta ragioneria poi si mette a lavorare in un laboratorio di oreficeria, coltivando nel frattempo la passione per il canto. Grazie all'amicizia con Livio Macchia dei Camaleonti viene ingaggiato per esibirsi al locale milanese Ca' Bianca, dove viene notato da Miki Del Prete. Mario entra così nell'orbita del Clan di Celentano: un bel colpo, che non sortisce però i risultati sperati. "Adriano era gentile, mi pagava anche, ma di dischi neanche l'ombra", ricorda Tessuto. Dopo un anno di permanenza alla corte del Molleggiato, decide di defilarsi, affidandosi a Ricky Gianco. Anche in questo caso, il cantante non ha fortuna, ma il suo nome comincia a girare nell'ambiente discografico. La svolta decisiva è il contratto con la Cgd, che lo fa partecipare al Cantagiro nel '67 con "Teen agers concerto" e nel '68 con "Ho scritto fine", una canzone scritta da Don Backy che ottiene incoraggianti risultati di vendita. Nello stesso anno, si fa notare a "Settevoci", la popolare trasmissione televisiva condotta da Pippo Baudo. A questo punto, la casa discografica si decide a puntare sul giovane cantante e gli affida "Lisa dagli occhi blu", scritta da Giancarlo Bigazzi e Claudio Cavallaro. Ai giornalisti, il cantante racconta di avere creduto immediatamente nella canzone: "Subito dopo averla incisa, riascoltandola per la prima volta, mi sono messo addirittura a piangere!"


Il film

Il successo discografico di "Lisa dagli occhi blu" genera immediatamente un omonimo "musicarello" girato da Bruno Corbucci: con entusiasmo misto a candore, Tessuto rivela ai giornalisti anche la cifra ottenuta per girarlo: sei milioni di lire (circa 70 milioni di lire del 2000).

Come sempre in questo genere di produzioni, la trama è costituita da un'esile vicenda sentimentale che ha il solo scopo di dare spazio alle canzoni del divo musicale di turno. In questo caso Tessuto veste gli improbabili panni di un professore di missilistica (che si chiama - sorpresa - Mario Bongiovanni) preso di mira dagli scherzi della studentessa Lisa Prandi (interpretata da Silvia Dionisio). Fra i due nasce l'amore, ma le traversie economiche della sua famiglia spingono Lisa verso il matrimonio con un facoltoso corteggiatore. Colpo di scena finale: il fedele maggiordomo dei Prandi scopre che un quadro in suo possesso è un Michelangelo di grandissimo valore e la sua vendita risolleva le sorti finanziarie della famiglia. Lisa non è più costretta a sposarsi per denaro e torna tra le braccia di Mario… Tipico prodotto dell'epoca, il film si segnala per qualche scena particolarmente bislacca e per un cast insolitamente zeppo di volti noti: Lino Banfi, Gino Bramieri, Mario Carotenuto, Carlo Dapporto, Peppino De Filippo, Franco Franchi, Ciccio Ingrassia, Erminio Macario, Piero Mazzarella e Bice Valori. Il cantante sperava che il film gli aprisse la possibilità di nuove occasioni cinematografiche, magari con lavori più impegnativi. Non diventerà un grande attore, ma farà parte del cast di "Fatti di gente per bene" di Mauro Bolognini.


Gli autori

Claudio Cavallaro ha collaborato a lungo con Giancarlo Bigazzi: il loro maggiore successo in coppia è stato "Lisa dagli occhi blu".

Da ricordare anche diversi brani per i "Camaleonti" ("Applausi"), e due brani presentati a Sanremo 1970: "Eternità" (interpreti, Ornella Vanoni e Camaleonti) e "Re di cuori" (Caterina Caselli e Nino Ferrer). Il fiorentino Giancarlo Bigazzi è uno dei maggiori autori italiani. Negli anni '60, a inizio carriera, scrive dei brani di immenso successo come "Luglio", con Riccardo Del Turco, "Lady Barbara" di Renato dei Profeti, "Lisa dagli occhi blu" di Mario Tessuto. Negli anni '70 comincia a stringere sodalizi più intensi con gli interpreti, ad esempio Massimo Ranieri ("Rose rosse", "Vent'anni"), Gianni Bella ("Montagne verdi" e "Non si può morire dentro"), e poi, dalla fine degli anni '70 ad oggi, tre cantanti che diverranno abituali dominatori delle classifiche scrivendo canzoni insieme a lui: Umberto Tozzi, Raf e Marco Masini. Con i primi due, il legame si interrompe (piuttosto bruscamente, anche) a metà degli anni '90; con il terzo, la collaborazione continua a tutt'oggi. Bigazzi vanta anche un clamoroso successo di vendite con il gruppo goliardico Squallor, messo in piedi con tre amici: il discografico Alfredo Cerruti, il cantante ed autore Daniele Pace, il maestro Totò Savio.


Interpreti

Lisa dagli occhi blu è stata portata al successo da Mario Tessuto nell'estate del 1969.

Altri interpreti:
Franco Cassano
Maurizio e Guido De angelis
Ray French
Guido Pistocchi
Enrico Simonetti


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin