Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

La Paloma Blanca: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0



La Paloma Blanca

1946, B.Cherubini-V.Falcomatà, Ed. Suvini Zerboni/Kansas


Non deve sorprendere che un grande successo del dopoguerra sia nato da un gioco di parole quasi puerile ("mute Ande/ mutande).
La tradizione italiana, da 'In riva al Po' di Ripp ("in posizione ti metto un po'…o mio tesor, qui siamo in riva al posterior") del 1926 a Elio e le Storie Tese, passando per 'La pansè' di Carosone (1953) e il 'Clarinetto' di Renzo Arbore (1986), è ricca di brani costruiti su licenziosi doppi sensi. Interessante, in merito, la tesi di Felice Liperi ("Storia della Canzone Italiana", Rai ERI) su come i primi intrecci tra musica e comicità un po' grossolana avvengano nei cafè-chantant: "Se in Francia si proponevano il fascino e la raffinatezza, in Italia ha il sopravvento il clima a tinte forti, e il caffè concerto viene presentato soprattutto come luogo di peccato e di goliardie di studenti della buona borghesia.

Allo sviluppo di questa atmosfera aveva contribuito un provocatorio episodio, avvenuto nel 1875, quando Luigi Stellato aveva lanciato una prima idea di spogliarello attraverso la sua famosa 'A'cammesella', duetto tra due sposini che devono ancora liberarsi delle timidezze adolescenziali. Da allora in poi il palcoscenico del café-chantant italiano andò affermandosi come 'luogo di perdizione' dove il pubblico andava per cercare maliziose atmosfere. Per tale ragione spesso la fama di personaggi mitici come Lina Cavalieri e Anna Fougez si costruiva utilizzando canzoni dal soggetto audace e dai continui doppi sensi".

Conferma la tesi Gianni Borgna ("Storia della canzone italiana", Mondadori): in attesa della definitiva affermazione di radio e televisione come veicoli di diffusione della musica popolare, in ambienti come il caffè-concerto e successivamente il tabarin, la rivista d'avanspettacolo, "la canzone trova occasione di crescita in un ambiente scomposto e libertino. Qui fa la prova generale come mezzo di comunicazione facile e rapido".

Il genere era arrivato al culmine nel ventennio fascista ('Ti darò quel fior', 'Era nata al Cairo' Ziki-paki ziki-pu', 'I pompieri di Viggiù' solo per citarne alcune), e dopo il 1945 venne ricacciato dalla retorica sanremese proprio dove era nato: sul palcoscenico del varietà. Fu proprio un autore di riviste, Falcomatà, a comporre 'La paloma blanca'.

Come racconta Paolo Limiti, "era un personaggio spiritosissimo, amava particolarmente gli scherzi: basti pensare che ha ispirato i giochi di 'Amici miei' - su tutti, lo scherzo degli schiaffi alla stazione... Scrisse 'La paloma blanca' un giorno che si era recato a vedere uno spettacolo durante il quale, causando ovviamente grande sensazione, a una ballerina erano scese le mutandine mentre stava cantando". Falcomatà propose immediatamente il gioco di parole "Senza le mute ande" a Bixio Cherubini, il paroliere che con il quasi omonimo Cesare Andrea Bixio aveva scritto brani allusivi come 'Alcova', 'Lucciole vagabonde', omaggio alle passeggiatrici, e il celeberrimo 'Tango delle capinere' (con le quali 'ognuno vuol godere'). Inutile dire che Cherubini non si oppose.


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin