Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

Il Visconte di Castelfombrone: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0



"Una sera del tempo di guerra, le finestre chiuse fin dal tramonto per l'oscuramento, le strade buie, l'improvviso accendersi e spegnersi di qualche pila, un ronzio di ricognitori nel cielo. Si sono appena spente musiche e parole che parlano di 'battaglioni della morte creati per la vita'. All'improvviso, come se dentro la radio fosse avvenuta una rivoluzione, quattro voci si mettono a cantare: 'Il visconte di Castelfombrone, cui Buglione fu antenat, ha sfidato il conte di Lomanto, ed il guanto gli ha gettat!' Da dove venivano quelle apocopi, 'antenat' e 'gettat'? Dalle follie irresistibili del 'Bertoldo'? Dai signori barbuti della vignette di Giovanni Mosca? Il Quartetto Cetra entrò così nella nostra vita: con quel guizzo di ironico sapore ottocentesco, con quella mazurca nella quale si avvertiva una voglia segreta di swing" (Giulio Nascimbeni, Corriere della Sera)


Il Visconte di Castelfombrone

1941, A.Nizza - R.Morbelli - L.Malatesta, Ed. Melodi


La sera citata da Nascimbeni era quella dell'8 ottobre 1941. Il Quartetto, accompagnato dall'Orchestra Zeme, aveva da poco accolto tra le sue fila Virgilio Savona, studente al Conservatorio di Santa Cecilia. Savona, che per amicizia aveva aiutato il gruppo precedentemente noto come Quartetto Egie (all'interno del quale nessuno conosceva la musica) ad arrangiare alcuni brani alla maniera degli americani Mills Brothers. All'abbandono di Iacopo Iacomelli, Savona (inizialmente timoroso di compromettersi con i suoi insegnanti del Conservatorio) gli subentrò. Dopo alcuni spettacoli teatrali i quattro, ancora in formazione rigorosamente maschile - Lucia Mannucci avrebbe sostituito Enrico De Angelis solo nel 1947 - furono invitati ad esibirsi ai microfoni dell'Ente Italiano Audizioni Radiofoniche (la RAI del tempo). In tale occasione cantarono 'Il visconte di Castelfombrone', brano scritto da Angelo Nizza e Riccardo Morbelli, una delle più celebri coppie della radiofonia italiana. Il pezzo aveva fatto parte di un loro seguitissimo show radiofonico, quello legato al concorso a premi che rese celebre l'introvabile figurina del Feroce Saladino.

Ricorda Savona: "Era una mazurca speciale, che si rifaceva a un'antica zarzuela francese, già trasmessa nella trasmissione radiofonica 'I quattro moschettieri', con Nunzio Filogamo. Il maestro Prato, direttore della scuola di canto dell'EIAR, ci consigliò questo brano e lo allestì. Quello fu il primo pezzo in stile cabaret che cantammo. Si trattava di una parodia del duello ottocentesco, in un periodo in cui si risentiva ancora di questa forma di cultura appartenente alla fine del secolo passato: il duello, la fanciulla che sviene… Eravamo studenti, a quel tempo, e anche se a livello esecutivo ci interessava soprattutto il jazz, che era virtualmente proibito, avevamo voglia di scherzare con i soggetti e con le idee". (dal sito coralesantalfonso.it)

Questo tipo di commistione tra canzone e parodia romanzata finì per diventare il marchio di fabbrica del Quartetto Cetra, che ne perfezionò negli anni il modello, facendone un'arte divertita ed elegante, con una leggerezza di approccio che mascherava i virtuosismi vocali e non soffrì, anzi venne esaltata dal passaggio al mezzo televisivo.


Interpreti

Il Quartetto Cetra
Formatosi nel 1941, il gruppo è il capostipite dei complessi vocali. I suoi componenti:Virgilio Savona nato a Palermo il 1 gennaio 1920.Pianista, compositore, autore di testi e arrangiatore.Tata Giacobetti (Roma, 24 giugno 1922 - 2 dicembre 1988) cantante, autore e fondatore del Quartetto Cetra. Lucia Mannucci nata a Bologna nel 1920, cantante solista, autrice. Felice Chiusano (Fondi, 28 marzo1922 - Milano, 3 febbraio 1990) cantante e musicista Tra le interpretazioni più famose: "Nella vecchia fattoria","Vecchia America" e "Sole pizza e amore".


Autori

Angelo Nizza e Riccardo Morbelli costituirono una delle più celebri coppie della radiofonia italiana. Nel realizzare i loro programmi, si trovarono non di rado a scrivere canzoni, in coppia o da soli: Morbelli firmò tra l'altro 'Sulla carrozzella', 'Ba-ba-baciami piccina', la traduzione della famosissima 'Tulipan' e, insieme a Pippo Barzizza la 'Canzone del boscaiolo'. Con Angelo Nizza compose numerose canzoni, tra le quali 'L'uccellino della radio', 'La sedia a dondolo' e 'Il visconte di Castelfombrone', che si giovò dell'apporto di Luigi Malatesta, direttore d'orchestra e autore di musiche da film. Angelo Nizza fu tra l'altro anche il responsabile dell'ufficio stampa del Casinò di Sanremo nel 1951, anno di nascita del Festival della Canzone Italiana.


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin