Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

Io, tu e le rose: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0



Io, tu e le rose

1967, Brinniti-D.Pace-M.Panzeri, Ed. Sugarmusic/Nazionalmusic


Di questo brano, presentato da Orietta Berti nel 1967 a Sanremo (in coppia con lo storico gruppo francese Les Compagnons de la Chanson), si è parlato molto, spesso con disprezzo e accanimento.


Questo perché fu citato nel biglietto d'addio scritto da Luigi Tenco (o chi per lui, visto che alcuni sostengono che non si trattò di suicidio) prima di morire: "Faccio questo non perché sono stanco della vita (tutt'altro), ma come atto di protesta contro un pubblico che manda in finale una canzone come 'Io tu e le rose' e una commissione che seleziona 'La rivoluzione'. Spero che serva a chiarire le idee a qualcuno. Ciao. Luigi".

Mario Luzzatto Fegiz, critico del Corriere della Sera, ha scritto: "'Io tu e le rose' era un brano melenso, e 'La rivoluzione', cantata da Pettenati e Pitney, apparteneva al filone finto hippy". Gianni Borgna, in "La grande evasione" (Savelli Editori, 1978) sparò a zero sul brano di Pace-Panzeri-Brinniti, "esempio insuperato di canzone alla melassa", dotata di "un testo insopportabilmente retorico e decisamente reazionario". Borgna citò una parte del testo sottolineando in corsivo le parti da lui ritenute più riprovevoli: "Quando, quando tu respiri accanto a me, solo allora io comprendo di esser viva (…) Io, tu e le rose, io tu e l'amore, anche se cadesse il mondo quello stesso giorno noi saremmo là, io, tu e le rose".

Mario Panzeri, autore del brano, rimase molto sconcertato dal gesto del cantante ligure e dagli attacchi a un genere 'leggero' nel quale credeva sinceramente, fin dai tempi di 'Pippo non lo sa' e 'La romanina'. Orietta Berti ha poi affermato: "Mi porto ancora dietro quella tristissima storia. Non la dimenticherò mai. La stampa scrisse cose bruttissime anche se gli amici di Tenco, le persone che gli volevano bene, mi hanno sempre detto che io non c'entravo niente". Michele Straniero, storico della canzone italiana, ha ridimensionato la questione, sostenendo che il brano era "una robetta onesta, in fondo non così vomitevole da lasciarci le penne come fece Tenco per motivi che in fondo gli sfuggirono - e soprattutto contrapponendole una 'Ciao amore ciao' che, quanto a genialità espressiva, non stava poi su un piano molto più elevato" (da "Canta che ti passa - La musica leggera e il mito del successo", Savelli Editori, 1978)
La Berti, come molti altri perplessa sulla natura del biglietto d'addio, rammenta anzi di aver ricevuto da Tenco, quel fatale 26 gennaio 1967, i complimenti "per il mio simpatico valzerino". Probabilmente, il giudizio più obiettivo.


Gli interpreti

Orietta Berti

vero nome Orietta Galimberti, è nata a Cavriago (Re) nel 1945.
I primi passi nel mondo della musica li compie interpretando le canzoni di Suor Sorriso, nel 1964. Il successo lo raggiunge nel 1965, con il brano Tu sei quello vincendo il concorso Un disco per l'estate
Partecipa a unidici edizioni di Sanremo e a dieci edizioni del disco per l'estate.
Tra i suoi maggiori successi: Fin che barca va, Non illuderti mai, Tipitipiti, Ah l'amore che cos'è, La balena.


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin