Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

Gli altri siamo noi: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0



Gli altri siamo noi

1991, U.Tozzi - G.Bigazzi, Ed. Suvini Zerboni/Il Bigallo/Otreb/Warner C.


Al Festival di Sanremo del 1991 Umberto Tozzi, vincitore quattro anni prima con 'Si può dare di più', torna dopo una lunga pausa per presentare un brano che sembra approfondire il discorso affrontato con Morandi e Ruggeri.

Si tratta di 'Gli altri siamo noi', invito alla tolleranza che porta sul palco del Teatro Ariston il tema delle ondate migratorie provenienti dal Terzo Mondo - ma anche quello della solitudine di ogni "diverso". Dal punto di vista musicale, il brano conferma la impressionante facilità con la quale Tozzi e il suo staff, guidato da Giancarlo Bigazzi, producono un pop dalle cadenze autenticamente anglosassoni: a sottolinearlo, l'interpretazione di Howard Jones della versione inglese, 'Other people are us' (è infatti una delle due edizioni del Festival in cui viene riproposto l'abbinamento a un musicista straniero).

Alcuni critici - forse un po' prevenuti, bisogna dire - non accettano che un simile brano venga da Tozzi, e lo giudicano un tentativo di adeguarsi alla corrente "solidaristica" che attraversa il pop (è il periodo del Mandela Day, delle campagne di Sting per l'Amazzonia, del tour 'Human rights now!' con Bruce Springsteen e Peter Gabriel). Terribilmente severo Gino Castaldo su La Repubblica: "Il testo, pretenziosissimo, ha l'ardire di cercare per Tozzi una credibilità d'impegno che non aveva mai avuto prima: parla dei mali del mondo e dei sensi di colpa del mondo borghese di fronte ai guasti sociali che vediamo intorno a noi. Ma il risultato è tremendo, e francamente troviamo Tozzi più adeguato quando scrive canzoncine d' amore… Il Festival di Sanremo non ci sembra il luogo più adatto per accreditare trasformazioni così impegnative. Voto: 4". Senza entrare nel merito, sul quale ci sarebbe molto da discutere, per restare alla cronaca è il caso di registrare che tale accoglienza non faciliterà i mai troppo facili rapporti tra Tozzi e la stampa, anche se Mario Luzzatto Fegiz sul Corriere della Sera fa notare "un'apertura degli autori nei confronti della realtà, talvolta velleitaria talvolta toccante, che si è andata consolidando negli ultimi anni. In 'Gli altri siamo noi' Tozzi dice 'anche Allah come Gesù in chiesa o dentro una moschea', evocando una nobile aspirazione al crollo di ogni frontiera, anche se, ammette, non è facile con la musica raggiungere certi obiettivi. Tozzi, che si definisce un pioniere delle canzoni d'amore, fuori dal lavoro da qualche anno, ha avvertito l'esigenza di cambiare, la voglia di denunciare quello che vedi intorno a te. Adesso è venuto a Sanremo contento di esserci, 'il modo migliore per fare promozione ad un prodotto che mi sembra forte', dice, alludendo al 33 giri nel quale è inserita la canzone del Festival. Anche questo atteggiamento è un segno nuovo".

Malauguratamente, proprio il Festival del 1991 è causa della fine della storica collaborazione tra Tozzi e Giancarlo Bigazzi, coppia di autori seconda solo a Mogol-Battisti nel panorama italiano. Nel 1994 il Corriere della Sera spiega: "la rottura fra Tozzi e il paroliere Bigazzi sarebbe arrivata per colpa di Masini, o meglio di 'Perchè lo fai', canzone che doveva appartenere a Tozzi e invece finì al collega di scuderia, che la portò al 3° posto tra i "big". Lo ha rivelato a Roma, in occasione del lancio in Europa del suo nuovo album 'Equivocando', lo stesso cantante torinese: 'Il brano, intitolato 'Adagio per un addio' e previsto inizialmente per l'album 'Gli altri siamo noi', era stato da me accantonato, ma non scartato. Poi fu dato a Masini, senza che io ne fossi al corrente, anche se fu ampiamente rielaborato nell'arrangiamento e nel testo. L'ho vissuto come un tradimento e come segno dell'incapacità di Bigazzi di destreggiarsi fra le personalità degli artisti del suo team". Qualche tempo dopo, il quotidiano milanese annuncia che Bigazzi si è rivolto al giudice "chiedendo che sia cancellato il nome di Tozzi come coautore di alcuni brani famosi come 'Gli altri siamo noi', 'Si può dare di più' e 'Gente di mare'. (…) In sostanza Bigazzi sostiene che Tozzi non ha scritto una riga di testo nè una nota di musica di quelle canzoni e si dice pronto a dimostrare la cosa davanti ai giudici con testimonianze inoppugnabili. 'Non so perchè lo abbia fatto', spiega Tozzi, 'La nostra collaborazione era arrivata alla fine e non capisco questi tentativi diffamatori per rendere traumatica una separazione che poteva essere consensuale e per lui anche remunerativa". Secondo Bigazzi "la rottura è dipesa esclusivamente da scelte individuali di Umberto Tozzi, incompatibili con i nostri rapporti contrattuali". La causa è tuttora aperta.


Gli interpreti

Umberto Tozzi, nato a Torino nel 1952, fratello di un cantante (Franco, che ebbe un piccolo successo negli anni '60 con "I tuoi occhi verdi"), ha iniziato come autore di brani per Wess e Dori Ghezzi ("Un corpo un'anima") e Fausto Leali ("Io camminerò"), per poi sfondare nel '77 con "Ti amo", primo successo di una carriera invidiabile costruita in gran parte assieme al paroliere Giancarlo Bigazzi. Il brano viene infatti seguito da "Tu", "Gloria", "Stella stai", "Si può dare di più" (vincitrice a Sanremo e cantata con Enrico Ruggeri e Gianni Morandi), "Gente di mare" (cantata con Raf), "Gli altri siamo noi", "Immensamente", "Io muoio di te". Nel 2000 si presenta a Sanremo con "Un'altra vita", suo ultimo disco.


Gli autori

Umberto Tozzi

Il fiorentino Giancarlo Bigazzi è uno dei maggiori autori italiani. Negli anni '60, a inizio carriera, scrive dei brani di immenso successo come "Luglio", con Riccardo Del Turco, "Lady Barbara" di Renato dei Profeti, "Lisa dagli occhi blu" di Mario Tessuto. Negli anni '70 comincia a stringere sodalizi più intensi con gli interpreti, ad esempio Massimo Ranieri ("Rose rosse", "Vent'anni"), Gianni Bella ("Montagne verdi" e "Non si può morire dentro"), e poi, dalla fine degli anni '70 ad oggi, tre cantanti che diverranno abituali dominatori delle classifiche scrivendo canzoni insieme a lui: Umberto Tozzi, Raf e Marco Masini. Con i primi due, il legame si interrompe (piuttosto bruscamente, anche) a metà degli anni '90; con il terzo, la collaborazione continua a tutt'oggi. Bigazzi vanta anche un clamoroso successo di vendite con il gruppo goliardico Squallor, messo in piedi con tre amici: il discografico Alfredo Cerruti, il cantante ed autore Daniele Pace, il maestro Totò Savio.


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin