Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

Dammi solo un minuto: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0

Leggi il testo: Link

Dammi solo un minuto

1977, R.Facchinetti - V.Negrini, Ed.Suvini Zerboni


Brano registrato a Milano nel maggio 1977 e prodotto dagli stessi Pooh con consulenza del Maestro Franco Monaldi, già arrangiatore di 'Tanta voglia di lei' e 'Pensiero' - poche settimane prima Monaldi aveva finito di lavorare a 'Ti amo' di Umberto Tozzi, che si sarebbe rivelato il grande successo dell'estate. In effetti Monaldi si limitò a dare consigli sui cori e su come raggiungere un effetto di "pieno" strumentale, ma i Pooh erano intenzionati a ottenere un effetto epico, specie nel ritornello, senza fare ricorso agli archi che avevano invece contraddistinto l'epoca del 'pop orchestrale' (e i due grandi successi sopra citati). In questo senso, davvero notevole si rivelò l'attacco affidato alla chitarra di Battaglia (il cui tocco sembra in questo caso aver assorbito qualcosa dall'ascolto di Brian May dei Queen), impegnata ad anticipare il ritornello.

Il brano, incluso nell'album 'Rotolando respirando', fu uno dei maggiori successi della maturità dei Pooh. Entrato nella top ten il 5 novembre 1977, ne uscì il 18 febbraio 1978: nonostante una così lunga permanenza, non riuscì mai a superare il terzo posto, beffato di volta in volta dai Santa Esmeralda ('Don't let me be misunderstood'), i Matia Bazar ('Solo tu'), Santana ('Moonflower').

"'Dammi solo un minuto' è una di quelle canzoni che nascono di getto", dice Roby Facchinetti. "Perlomeno, la musica è nata in pochissimi minuti - a volte succede, e spesso capisci che piaceranno anche al pubblico. I problemi li avemmo invece per il testo: in questo senso è stata una delle nostre canzoni più tormentate". Autore delle liriche, il principale paroliere del gruppo, l'ex batterista Valerio Negrini. Argomento, un addio - non un addio conseguente a un tradimento, come in 'Tanta voglia di lei', ma l'addio per la fine di un amore il cui fuoco pare spento. "Proprio come avevo fatto io per la musica, Valerio aveva fatto un testo di getto. Però come spesso capita durante una situazione di lavoro, lo prendemmo in considerazione in un momento di luna un po' storta, per cui invece di adottarlo subito scuotemmo un po' la testa, qualcosa non ci tornava ma non sapevamo cosa… Così chiedemmo a Valerio di fare un altro tentativo. Lui scrisse un altro testo, poi un altro, poi altri due o tre testi, diversissimi dal primo. Alla fine, mentre sfinito ci sottoponeva il suo ultimo parto, decidemmo di tornare alla sua idea originale…

La cosa è diventata un immancabile precedente che ci portiamo dietro da 25 anni: ogni volta che ci ritroviamo a fare delle smorfie sui testi di Valerio o Stefano, viene evocato inevitabilmente il 'caso' di 'Dammi solo un minuto': 'Non fatemi lavorare per niente come quella volta…'. D'altra parte, io sono convinto che trovare il testo adatto a una musica è una cosa difficilissima, ho sempre pensato che ogni musica ha il proprio testo, è come un matrimonio: puoi avere due elementi che sembrano splendidi, ma li metti assieme e scopri che non vanno d'accordo… E viceversa, puoi avere musiche e testi che presi da soli non ti convincono, per poi scoprire che uniti al 'partner' giusto fanno un salto di qualità".

Un piccolo cambio di partner è toccato anche al ritornello, quando nel 1998 il gruppo rap Gemelli DiVersi ha campionato il frammento originale dei Pooh e lo ha unito a un proprio brano hip-hop per realizzare il proprio singolo di maggiore successo. "Mi dissero che avevano avuto questa idea, mi mandarono la cassettina con la registrazione, e a me piacque subito", spiega Facchinetti. "Devo dire che ha avuto un accoglimento anche superiore alle mie aspettative, ed ha rimesso in pista un brano di venticinque anni fa che i giovani non conoscevano - siamo venuti a sapere di famiglie nelle quali i genitori erano fan dei Pooh e hanno avuto la loro 'rivincita' sui figli che giudicavano i loro dischi 'sorpassati'…".


Interpreti

A fondare i Pooh nel 1966 sono Valerio Negrini, Mauro Zini-Bertoli, Mario Goretti, Bob Gillot e Gilberto Faggioli (nessuno di loro fa parte della formazione attuale). Nello stesso anno, poco dopo l'uscita del primo 45 giri ("Vieni fuori"), Roby Facchinetti subentra a Gillot e Riccardo Fogli a Faggioli. Nel 1967 Bertoli lascia il gruppo, che diventa un quartetto. Il primo successo, "Piccola Katy" (1968), è seguito dall'ingresso di Dodi Battaglia al posto di Mario Goretti. I primi 33 giri vengono quasi ignorati, e il gruppo rischia lo scioglimento. Invece nel 1971, con due canzoni uscite a distanza ravvicinata, "Tanta voglia di lei" e "Pensiero", quasi inaspettatamente i Pooh esplodono. Anche se nel giro di pochi mesi Valerio Negrini lascia la batteria a Stefano D'Orazio e Riccardo Fogli si mette in proprio (al suo posto giunge Red Canzian), nella prima metà degli anni '70 il quartetto, guidato da Facchinetti (e con Negrini a scrivere i testi dietro le quinte), riesce a consolidare il suo successo, che dura da 30 anni.


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin