Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

Conosci mia cugina?: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0



Conosci mia cugina?

1946, Pinchi - C.A.Rossi, Ed. Melodi


1945: gli alleati conquistano il Nord Italia e mettono la parola "Fine" a cinque anni di guerra e a più di venti di dittatura.
A quest'ultima, nemmeno la musica è riuscita a sottrarsi: volendo riaffermare i fasti di un Impero tramontato quindici secoli prima, Benito Mussolini aveva tentato di vietare ogni contaminazione con espressioni culturali - e, ovviamente, sonore - che non fossero di italica purezza. Tra queste, il jazz. Ai musicisti italiani che si erano cimentati con tutto ciò che in quel periodo arrivava dall'America, era stato imposto di cambiare titoli e testo delle canzoni (con risultati grotteschi come la celeberrima 'St. Louis blues', divenuta 'Le tristezze di San Luigi'). Ma il contagioso ritmo dello swing era riuscito ad aggirare gli ostacoli: al momento dello sbarco degli alleati, molti italiani erano già stati conquistati dalle dondolanti armonie jazz. Tra questi, molti musicisti che erano diventati abbastanza bravi da comporre canzoni in grado di ben figurare accanto ai brani di Glenn Miller. Carlo Alberto Rossi è tra quei musicisti: tra i suoi brani di evidente matrice jazzistica si ricordano 'Quando piange il ciel', (scritta nel 1939, ben prima della fine della guerra, ma pubblicata nel 1946), il blues 'Louisiana', e 'Luna indiscreta', pezzo forte dell'orchestra di Alberto Semprini, altro maestro innamorato dell'America. Ma soprattutto i due grandi successi del torinese Ernesto Bonino: 'Ti telefono stasera' e 'Conosci mia cugina'.

"In realtà non avevo una passione viscerale per il jazz", racconta Rossi. "Semplicemente, la mia idea era quella di battere nuove strade, trovare idee originali. E mi divertiva usare armonie che in Italia non erano conosciute".
La musica è uno swing in mi bemolle, con un impasto di fiati che porta alla mente le celebri alchimie dell'orchestra di Duke Elligton. Il testo, coi suoi accenni ai cocktail e ai rudimenti di inglese della spigliata cugina, esprime la "voglia d'America" di chi voleva lasciarsi alle spalle la guerra - un cambiamento nella forma, ma non nella sostanza, visto che alla fine la "maschietta" oppone ai corteggiatori il diniego insegnatole dalle mamme e dalle nonne, e "Non c'è niente da far".

"Il problema di quei brani stava nella lingua: se prendevi quelli americani e pensavi di tradurli, sbagliavi di grosso. In italiano venivano proprio male", spiega Rossi. "Allora abbiamo tirato fuori questa canzone, composta come uno swing sul quale abbiamo messo un testo nella nostra lingua. Quando l'ho scritta, l'ho pensata come un vestito per Natalino Otto - un grande: lui e Mina, pur in epoche diverse, sono i veri rappresentanti dell'Italia musicale. Poi il brano è stato ripreso da quei cantanti che volevano fare jazz, tra i quali Ernesto Bonino".


Interpreti

Natalino Otto
nome d'arte di Natale Codognotto, nato a Genova il 6 febbraio 1912. Aveva iniziato la sua carriera come batterista, quando Gorni Kramer, nel 1939, scoprì le sue doti di cantante. Otto portò al successo canzoni americane come "Star dust" (Polvere di stelle). Spesso si ricorda Natalino Otto come il primo interprete swing italiano. Nel 1955 ha sposato la cantante Flo Sandon's. Natalino Otto ha partecipato a cinque Festival di Sanremo. Tra i suoi maggiori successi: "Dottor swing","Mogliettina", "Mamma mi sono fidanzato" e "Lungo il viale".

Ernesto Bonino
Nato a Torino nel 1922, Bonino inizia presto a lavorare per contribuire a mantenere la famiglia. Il 5 gennaio 1941 tiene il suo debutto alla radio, cantando Tango argentino, e inaugura la sua carriera. Dotato di una naturale impostazione da crooner, che ne fa una sorta di Bing Crosby all'italiana, si guadagna il soprannome di "Mister swing" nonché il ruolo di antagonista di Natalino Otto, "star" appartenente a un'etichetta rivale.


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin