Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

Cerasella: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0



Cerasella

1957, U.Pirro - E.Bonagura - E.Sciorilli, Ed. Mascotte/C.A.M


Il termine dialettale "Cerasella" indica varie cose: un liquore a base di ciliegie, oppure una varietà di peperoncino.

Molto probabilmente è a quest'ultima accezione che la protagonista del brano deve il suo nome. Nome che ha un precedente nella canzone: una "Cerasella" del 1895, scritta da A.Califano e P.Fonzo e presentata al Festival di Piedigrotta. Destino molto simile, ma successo decisamente maggiore, per la seconda nata, che venne lanciata al Festival della Canzone Napoletana ("erede" del precedente) nel 1959 da Gloria Christian, diva della canzone partenopea, che racconta: "Io avevo non avevo voluto cantare 'Tuppe tuppe marescià', che venne presa da Maria Paris. La Paris ci vinse il festival di Napoli. Per questo, l'anno dopo tutti gli autori andavano da lei. Quando la Paris rifiutò 'Cerasella' io, memore di quanto successo l'anno prima, dissi subito: 'la canto io!'" Il brano raggiunse il n.6 della hit-parade. Dario Salvatori, nel "Dizionario delle canzoni italiane", lo definisce un "esempio di garbo e buon gusto appartenente a quel nuovo filone che negli anni '50 riuscì parzialmente a rinnovare la canzone napoletana. Il testo riproponeva i colori pastello di una Napoli spensierata e bozzettistica, popolata di ragazze alla Boccasile".

Per tale bozzetto, una duplice firma: una è quella di Eros Sciorilli, autore nato a Busto Arsizio ma capace di passare con disinvoltura dalla canzone milanese a quella napoletana. Ma capace anche di ottenere i suoi maggiori successi - in italiano - a distanza di parecchi anni: nel 1945 con "In cerca di te" (meglio nota come "Solo me ne vo per la città"), nel 1967 con "Non pensare a me" (che Claudio Villa e Iva Zanicchi portarono alla vittoria al Festival di Sanremo) e nel 1971 con "Sono una donna non sono una santa" (il cui testo, declamato da Rosanna Fratello, fece discutere a lungo…).
L'altro autore è Enzo Bonagura, il poeta di San Giuseppe Vesuviano, del quale si ricordano "Scalinatella" (lanciata da Roberto Murolo nel 1948) e "Maruzzella" (primo successo di Carosone, datato 1955). Bonagura fu un protagonista di varie fasi della nostra canzone - basti pensare che mentre scriveva dei piccoli classici della canzone dialettale napoletana, contribuiva a delineare la modernità del giovanissimo Adriano Celentano, scrivendo per lui "I ragazzi del juke-box" (insieme al succitato Sciorilli). Come scrive Federico Vacalebre, critico de "Il Mattino" e del pregevole sito "Napolimusic.it", Bonagura "nei primi anni della sua carriera scrisse soprattutto in italiano, anche per assecondare le manie autarchiche del Duce: federale di San Giuseppe Vesuviano, caduto il regime dovette trasferirsi a Napoli. (…) Della sua produzione sopravvivono soprattutto i brani in dialetto napoletano. Malinconia nei versi di Bonagura, sì, ma anche tenerezza e ritmo come in 'Cerasella'. (…) Canzoni napoletane, quelle di Bonagura, non solo perché in dialetto, ma perché ispirate al mare, ai luoghi, alle voci e ai mestieri partenopei, come, per esempio, anche in 'Mergellina'. Tra le sue canzoni in lingua, invece, c'è 'Io amo tu ami', interpretata da Mina a Sanremo".

Al successo della canzone, come spesso succedeva in quegli anni, fece seguito un film. "Cerasella" passò alla celluloide grazie a un soggetto scritto e girato da Raffaello Matarazzo, considerato nel dopoguerra il re del melodramma cinematografico (tra i film al suo attivo, "Treno popolare" e "La risaia"). La colonna sonora venne affidata a Fausto Cigliano; da segnalare, tra gli interpreti, Mario Carotenuto, Mario Girotti (il futuro Terence Hill), Carlo Croccolo, ma soprattutto una giovanissima Claudia Mori (futura signora Celentano) al suo debutto, nella parte della corteggiatissima protagonista.


Interpreti

Gloria Christian

Presente in numerosi festival canori degli anni '50 e '60 Gloria Christian si esibisce nell'allora famoso cinema–teatro Artemisio dove si tiene il Festival di Velletri. Al festival di Sanremo in diverse edizioni, partecipa anche con più canzoni nello stesso anno, con partner del calibro di "Poker di Voci" e "Duo Fasano".
Nel 1970 la troviamo al fianco di Daniele Piombi come presentatrice nella piazzetta di Capri dell 18° Festival della Canzone Napoletana, ultimo di un fortunato ciclo che si riprenderà solo dopo qualche anno.
Ricordata per la sua interpretazione di "Casetta in Canadà" la ritroviamo alla fine degli anni '70 al fianco di Toto e Peppino Di Capri nell'episodio televisivo "Totò a Napoli".

Altri interpreti:
Wilma De Angelis
Aurelio Fierro


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin