Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

Ancora ancora ancora: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0

Leggi il testo: Link

Ancora ancora ancora

1978, C. Malgioglio-G.P. Felisatti, Ed. Insieme/Pdu


30 settembre 1978, 26 marzo 2001.
I fans di Mina conoscono bene queste due date.

La prima rappresenta l’ultima apparizione televisiva della cantante, concessasi per la sigla di “Mille e una luce”, programma estivo condotto sulla Rai da Claudio Lippi. La seconda è quella del ritorno, sempre sulla Rai: 90 secondi di immagini girate nel suo studio di registrazione a Lugano, tratti da uno “speciale” di un’ora trasmesso su Internet.
In tale occasione, Andrea Laffranchi ha scritto sul “Corriere della Sera”: “Dopo aver nascosto la sua immagine, dopo averci lasciato solo gli scatti mossi e sfuocati dei paparazzi per cercare di intuire se e come il tempo avesse segnato il suo volto, dopo aver giocato con la grafica sulle copertine dei dischi mascherando i suoi lineamenti, ieri Mina ha regalato anche un primo piano”.
Ma per 23 anni le immagini di “Ancora ancora ancora”, girate alla Bussola di Viareggio (pochi giorni prima di tenervi l’ultimo concerto, datato 23 agosto 1978), sono state le ultime di una cantante che sembrava volersi negare per sempre agli obiettivi televisivi. Per più di due decenni, per capire il “mistero Mina” ci si è aggrappati quasi spasmodicamente a quel’ultimo filmato (peraltro censurato a partire dalla seconda puntata di “Mille e una luce”: furono tagliati alcuni primi piani della bocca, come riferisce il sito ufficiale minamazzini.it sul quale è visibile il file video).
Notevoli le pagine scritte da Chiara Stefani nel volume “Una forza incantatrice” (Euresis) per descrivere come Mina interpreta – e il verbo risulta piuttosto limitato - il brano scritto da Cristiano Malgioglio:
“Nella strofa lo spettinamento, la testa alta abbandonata all’indietro, lo sguardo maliardo e un po’ beffardo. Nel ritornello la mimica facciale e gestuale agisce con le immagini del testo, e lo scuotimento di testa e capelli produce un suono quasi di trance. I tratti fonetici più evidenti sono relativi alla pronuncia delle ‘s’. Il suo ‘sì’ è ‘fsssiii’, il consenso erotico soffiato nell’orecchio. Deve essere del resto davvero esaltante per un uomo sentirsi non solo sensuale – aggettivo riferito solitamente alla donna – ma addirittura ‘scénsciùale’ con l’accento sulla ‘u’, di una carnalità prorompente e dirompente. Ma mi colpisce in particolar modo la parola ‘ancora’, rallentata rispetto al tempo musicale e trasformata in ‘uam-cora’, che rivela un enorme appetito. (…) La ripetizione ossessiva di tutte le parti anatomiche (corpo, braccia, bocca, mani, collo) e la richiesta impellente di azioni corporali più o meno metaforiche (abbracciarmi, amarmi, pigliarmi, farmi morire, restare, consumarmi) indica l’insaziabile, nella confusione totale tra sesso e amore. (…)

La scalata melodica fino al registro medio-acuto è avvolgente e travolgente (…) I dee-jay la chiamano la ‘curva orgasmica’, intendendo una sequenza musicale caratterizzata da un crescendo non solo di altezza ma anche dinamico, fino a un picco massimo finale. La pressione del flusso è quasi eccessiva, il suono è talmente pieno che tende a sfibrarsi, la risonanza è al centro dell’asse bocca-fronte. Il portamento strascicato su ‘an’ o sull’ultima ‘a’ rinforza l’immagine dello spalancamento delle fauci. Nell’intercalare cantato tutto su ‘a’, l’articolazione del fonema ‘aha’ è gestita con la mascella, come una masticazione, e i quattro ‘uh’ finali sono laringei e sporcati, quasi gutturali, come un inghiottimento. Speriamo che riesca a digerirlo tutto”.


Interpreti

Mina

Nome d'arte di Anna Maria Mazzini, nasce a Busto Arsizio, Varese, il 25 marzo 1940.
Nel 1959, con la canzone "Nessuno", sconvolge le platee televisive con la sua voce a la sua carica esplosiva.
Nei primi anni Sessanta da urlatrice, quale era, passa ad un genere più raffinato interpretando canzoni come "Il cielo in una stanza" di Gino Paoli.
Fino ai primi anni Settanta è protagonista di molti varietà televisivi, ma successivamente si ritira dalla scena pubblica (la sua ultima apparizione in concerto risale al 1978) trasferendosi definitivamente a Lugano.
Non interrompe però la sua carriera di interprete di grandi successi incidendo quasi ogni anno nuovi album.

I maggiori successi:
Nessuno (1959)
Tintarella di luna (1959)
Una zebra a pois (1960)
Il cielo in una stanza, E se domani (1964)
Se telefonando (1966)
Parole parole parole (1972)


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin