Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

Chi non lavora non fa l'amore: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0

Leggi il testo: Link

Chi non lavora non fa l'amore

1970, A.Celentano, Ed. Clan/Lunapark


Il '68 e le rivendicazioni dei lavoratori non lasciano indifferente Adriano Celentano, che a partire da "Il ragazzo della via Gluck" e "Mondo in Mi 7a" ha ormai abbandonato i panni del semplice "urlatore" per commentare a suo modo i cambiamenti nella società italiana.

Ma con una certa sorpresa da parte di chi lo aveva ascoltato inveire contro l'industrializzazione nel "Ragazzo della via Gluck", stavolta Celentano, pur ispirandosi al John Lennon di "Give peace a chance" per gli spunti corali, stigmatizza i lavoratori che rinunciano allo stipendio per difendere i loro diritti: a causa loro, "c'è il caos nella città". Non ne escono molto meglio le loro mogli, che, sostanzialmente, si concedono in cambio di danaro. Inevitabilmente, "Chi non lavora…" viene ribattezzata la "canzone antisciopero" o "canzone crumira".
Celentano la presenta al Festival di Sanremo del 1970, e ne fa cantare la seconda versione alla moglie Claudia Mori. Come d'abitudine, il cantante è protagonista di una sorta di pantomima: proprio come nel Festival del 1966, interrompe l'orchestra subito dopo l'inizio, perché ha dimenticato le parole. Dopo che l'orchestra ha ricominciato, nuova interruzione. "Intanto Adriano riesce a restare più a lungo davanti alle telecamere ottenendo che la gente si imprima bene in testa la frase storica: Chi non lavora non fa l'amore" (da "L'Italia di Sanremo", Gianni Borgna, Mondadori). Molti cantanti si spazientiscono. Iva Zanicchi, ad esempio, commenta: "Sono dieci anni che quando sale sul palcoscenico fa le stesse smorfie e gli stessi gesti. Chi mi stupisce è il pubblico, che dopo tanti anni ci casca ancora". Gelida la replica: "Un giudizio di Iva Zanicchi, buono o cattivo, non mi interessa minimamente".

Il fatto che il brano vinca il Festival è visto da alcuni come un risarcimento a Celentano, convinto a fatica a partecipare dopo anni di sconfitte e soprattutto dopo lo "smacco" dell'eliminazione del "Ragazzo della via Gluck". Ma i più lo interpretano come un "segnale" alla nazione da parte del governo. Sul "Radiocorriere TV" Corrado Guerzoni scrive che la canzone "diventerà molto probabilmente l'inno della moderazione italiana". Sul settimanale "Panorama" Myriam De Cesco illustra il "caso":

Sul settimanale "Panorama" Myriam De Cesco illustra il "caso": "Celentano ama definirsi ignorante: vive circondato da una schiera di amici e parenti (a Sanremo è arrivato con 50 persone) che lo seguono con adorazione. (…) E' religioso, osservante, antidivorzista. Non si interessa di politica: gli amici dicono che è un democristiano di destra. Con la sua ultima canzone, una ballata di protesta contro gli scioperi, Celentano è stato definito qualunquista, fascista, reazionario. 'Il mio vuole essere un invito a comporre pacificamente e in fretta le vertenze sindacali', si difende Celentano. 'La politica non c'entra', spiega Luciano Beretta, paroliere che si definisce il braccio destro del cantante. 'E' una storia alla milanese: una mano sul cuore e una sul portafoglio. Come dire: caro padrone, dammi l'aumento perché ho anch'io diritto di vivere in pace con mia moglie come tu fai con la tua'. L'idea è venuta a Beretta e Celentano a novembre, quando a Milano si vedevano i cortei dei metalmeccanici. Un'idea che ha preso corpo il giorno che Beretta ha assistito davanti alla Rinascente e una discussione tra marito e moglie. Lei gridava: 'Torna a lavorare, per l'amore del cielo, che qui il portafoglio fa acqua'. Una giustificazione che non ha convinto. 'E' un insulto ai lavoratori e alla loro causa', ha detto Sergio Endrigo, terzo a Sanremo con 'L'arca di Noè': 'Io, signor padrone non l'ho mai detto e non lo dirò mai a nessuno'. Perfino Il Tempo, quotidiano romano di destra, ha definito il testo della canzone 'una barzelletta reazionario-populista'."

L'accusato ribatte: "Qui non ha capito niente nessuno. Endrigo, poi, è uno scontento per vocazione. L'unico che ha capito è il pubblico".
In effetti, come sempre negli anni d'oro di Sanremo, la vittoria alla kermesse porta all'immediato numero uno in classifica. "Non pensavo di vincere il Festival, ma ero sicuro di vendere tanti dischi"; è il commento di Celentano. Effettivamente il disco venderà in sei mesi più di 750.000 copie - molto apprezzato anche il 45 giri con la versione di Claudia Mori.


Interpreti

Adriano Celentano

Nato a Milano il 6 gennaio 1938. Compie i primi passi nel mondo dello spettacolo imitando Jerry Lewis. Esordisce come cantante nel 1957 Rock boys al Palazzo del Ghiaccio di Milano. Tra i brani più famosi: Ventiquattromila baci (presentato a Sanremo nel 1961), Il tuo bacio è come un rock, Pregherò, Azzurro, Il ragazzo della Via Gluck, Chi non lavora non fa l'amore (cantata con Claudia Mori e vincitrice del Festival di Sanremo del 1970), Svalutation.
Nel 1961 fonda il Clan Celentano e nel 1962 il Clan debutta con Stai lontana da me. Adriano Celentano è inoltre protagonista di pellicole di successo come Serafino, Rugantino, Geppo il folle, Yuppi du . A partire da "Fantastico" (1987) diviene uno dei più seguiti e discussi conduttori televisivi d'Italia, come hanno dimostrato i recenti "Francamente me ne infischio" (2000) e ultimo lo spettacolo "125 milioni di caz..te" che lo vede anche in veste di regista.


Claudia Mori

Nata a Roma il 12 febbraio 1944. Claudia Moroni, in arte Claudia Mori inizia la carriera come attrice, ma già nel 1961 incide il primo disco: Non guardarmi. Incontra il futuro marito, Adriano Celentano, sul set di un film e con lui partecipa al Festival di Sanremo del 1970 vincendo con la canzone Chi non lavora non fa l'amore.


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin