Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

Rien ne va plus: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0



"La più bella canzone di Sanremo senza dubbio è 'Rien ne va plus' di Ruggeri. Proprio per questo non vincerà" (Cesare G. Romana, 'Il Giornale', 1986)

"Enrico dopo una lunga gavetta è riuscito finalmente ad imporsi alle sue condizioni, stravolgendo logiche consunte e rifiutando l'idiozia massificata della musica leggera italiana: chi ha mai usato il termine 'Coup de foudre' in una canzone di Sanremo?" (Federico Guglielmi, 'Il Mucchio Selvaggio', 1986)


Rien ne va plus

1986, E. Ruggeri, Ed.Sugarmusic/Warner Chappell


"Amo l'azzardo e il gioco d'azzardo, anche se non a livello patologico", racconta Enrico Ruggeri.
"Mi affascinano i leggendari grandi giocatori, la lotta contro la statistica e la legge dei grandi numeri, lo scontro tra le probabilità matematiche e l'incognita, l'imprevedibile guizzo della pallina nella roulette. E poi le superstizioni, i riti, gli occhi febbrili durante l'attesa, la paura di perdere tutto in un istante, l'incoscienza…una volta mi hanno spiegato che i giocatori vogliono perdere, perché vincere è una sensazione effimera, mentre la sconfitta è un destino... Tuttavia io amo molto anche un gioco fuori moda, ricco di fantasia, di cervello e rischio: gli scacchi".

Per questo motivo, l'album che contiene 'Rien ne va plus' si intitola 'Difesa francese': un riferimento a una tattica scacchistica, ma anche un omaggio alla Francia "e alla 'difesa' della sua cultura, anche musicale. A quell'epoca per la nostra discografia essere un cantante italiano pareva quasi una vergogna. (…) Il francese come lingua ha un suono straordinario, dolcissimo. In 'Savoir faire' avevo utilizzato un termine francese, cosa che poi ho rifatto ad esempio in 'Je t'aime', 'La vie en rouge'…il bello è che non conosco affatto il francese: tutte le espressioni che so, me le sono giocate nelle canzoni… però conosco la loro cultura e la amo, mentre non sono entusiasta di quella americana". "'Rien ne va plus' nacque a casa mia, accostando sensazioni differenti. Azzardo e mistero, colpo di fulmine, amore, poi l'età e il tempo che passa. Credo che l'inconscio abbia lavorato di suo, nel senso che leggendola sembra che la morale sia: l'amore è azzardo, una partita nella quale quasi sempre ti alzi dal tavolo sconfitto, con le ragazze che invecchiano, e noi con loro. Solo l'arte ha la capacità di farti vedere una persona sempre giovane - 'Forever young', come cantava Bob Dylan. Forse per questo 'Rien ne va plus' piace soprattutto alle donne.
Del resto grazie a questa canzone ho cominciato a riconciliarmi con l'universo femminile: ho cominciato a tentare di capirlo, non più criticando ma vedendolo da una nuova prospettiva. 'Rien ne va plus' è stato il primo passo in direzione di 'Quello che le donne non dicono', una canzone in cui tante donne si sono identificate".

Nel 1986, con 'Rien ne va plus', Ruggeri si presentò per la terza volta al Festival della Canzone Italiana. "La situazione a Sanremo era un po' stantia. Stava esplodendo Eros Ramazzotti, unico giovane ad imporsi quell'anno, e ricordo che tra i partecipanti c'era anche Zucchero che, con poca fortuna, propose 'Canzone triste'. Io ero un po' il fiore all'occhiello del festival, il giovane intellettuale buono per il premio della critica, ma piuttosto estraneo ai meccanismi della kermesse. Non avrei mai immaginato che l'anno dopo avrei vinto il Festival, con 'Si può dare di più'. Comunque, accettai di partecipare anche perché ne avevo bisogno: il mio album 'Tutto scorre', del 1985, non era andato benissimo. Un po' me lo aspettavo: mancava un 45 giri di impatto, un brano da vetrina. Ma per la mia carriera era stato un passo indietro. Perciò durante l'inverno mi concentrai sul Festival di Sanremo in arrivo. Al momento di partecipare ci ritrovammo a scegliere tra due canzoni: 'Rien ne va plus' e 'Dalla vita in giù'. Racconta Silvio Crippa, amico e manager di Ruggeri: "Fui io a convincere Enrico a presentare 'Rien ne va plus'. Lui tuttora sostiene che quel pezzo gli avrebbe potuto dare la popolarità immediata, mentre io lo convinsi che era meglio puntare sui tempi lunghi, sulla stima della critica, piuttosto che giocarsi tutto con un pezzo che avrebbe potuto anche passare inosservato. Forse gli eventi mi hanno dato ragione anche se, come dice lui, non esiste controprova…"

Sul palco del Teatro Ariston, Ruggeri portò anche un pizzico di teatralità. "Sull'onda del mio trasporto emotivo per la Francia e per Tom Waits, volli sul palco dei lampioni e due finti clochard - due miei amici che si divertirono un mondo". Alla fine del brano, il cantante si levò gli occhiali bianchi, suo tratto distintivo sin dall'esordio, e per la prima volta si fece guardare negli occhi dal grande pubblico. La sua canzone vinse il Premio della Critica. Tutto come previsto.


Interprete

Enrico Ruggeri
nato a Milano il 5 giugno 1957. Debutta nel 1973, con la sua prima band, al Teatro San Fedele di Milano. Nel 1977 fonda i "Decibel". Nel 1980 pubblica il suo primo album da solista. Cantante e autore annovera tra le sue canzoni Tenax, Mare d’inverno, Nuovo swing, Mistero. Vince 2 edizioni si Sanremo: nel 1987 insieme a Morandi e Tozzi con "Si può dare di più" e nel 1993 con "Mistero".


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin