Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

Maledetta primavera: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0

Leggi il testo: Link

"Non pensavo di vincere il Festival. Fino all'ultimo ho pensato che avrebbe vinto Loretta Goggi" (Alice, 1981)


Maledetta primavera

1981, P.Cassella - T.Savio, Ed. Sugarmusic


Sanremo 1981 fu uno dei primi Festival in cui si cominciò a parlare, più che dei cantanti in gara, degli ospiti stranieri: i Bad Manners, che lasciarono il segno grazie al sedere mostrato dal cantante, e i Dire Straits, le cui vendite si impennarono dopo aver proposto sul palco la celebre 'Tunnel of love'.

Mancando le stelle della canzone, i giornali si occuparono soprattutto delle polemiche, cominciate ben prima della kermesse. Una coinvolse i Ricchi e Poveri, presentatisi, a sorpresa, in tre, e in piena battaglia legale con la bionda Marina Occhiena - senza di lei, grazie a 'Sarà perché ti amo', avrebbero ottenuto uno dei loro maggiori successi. Un'altra polemica venne lanciata dall'indomito Claudio Villa, che dichiarò apertamente: "Sanremo è finito da un pezzo. Se anche Gianni Ravera mi avesse invitato, non sarei venuto. Non posso certo misurarmi con quelli lì", concludeva, alludendo allo scarso blasone degli interpreti in gara, dei quali solo due potevano essere considerati dei "big" carichi di dischi d'oro, e non recentissimi: Orietta Berti e Bobby Solo.

Tuttavia, molti dei partecipanti, al debutto o quasi, ebbero un momento di gloria: Edoardo De Crescenzo ('Ancora'), Fiorella Mannoia ('Caffè nero bollente'), Luca Barbarossa ('Roma spogliata'), e Alice, che vinse a sorpresa con 'Per Elisa' di Battiato e Giusto Pio. Altrettanto sorprendente fu, inoltre, l'affermazione di una sottovalutata Loretta Goggi, reduce da un periodo difficile - tanto che dopo il Festival dichiarò a "TV Sorrisi e Canzoni": "Sto bene, ho meno ansie ed arrovellamenti di qualche tempo fa. Insomma, sento che il mondo c'è, che io ci sono, e non così travolta dagli avvenimenti come mi succedeva un tempo. Adesso io vivo".

La sua canzone seguiva un altro brano 'stagionale: 'Notti d'agosto', da lei interpretata nell'estate 1980. A scriverla erano stati i suoi autori prediletti, Amerigo Cassella e Totò Savio, i quali erano presenti a Sanremo 1981 anche con 'Su quel pianeta libero' di Michele Zarrillo e con 'Tu cosa fai stasera' di Dario Baldan Bembo. 'Maledetta primavera' giunse al secondo posto, suscitando l'emozionata reazione della cantante-presentatrice: "Un minuto dopo l'annuncio, avevo le lenti a contatto che mi scivolavano sulle mani e mi colava tutto il rimmel, non ci pensavo proprio. Ma d'altra parte…la 'sorpresa' Loretta viene premiata, e vuoi non piangere?…".

Al di là del piazzamento, la vera sorpresa fu l'entusiasmo del pubblico: la Goggi, che fino a quel momento era stata in hit-parade grazie a dieci anni di sigle televisive (da 'Taratapunzi-e' a 'Molla tutto', da 'Cicciottella' a 'L'aria del sabato sera'), balzò per la prima volta al n.1 e ci restò per cinque settimane consecutive, diventando un classico del pop italiano. "E dire che non ho fatto nessuna promozione: non ho avuto il tempo materiale di pubblicizzare il disco", disse la 30enne cantante, per la quale il 1981 fu un anno davvero d'oro. Infatti, dopo l'affermazione come cantante ("I commenti sono stati: ma allora canta, e anche bene. Quando facevo le imitazioni in televisione la gente era convinta che ci fosse qualche trucco, qualche effetto speciale") nel giro di pochi mesi il pubblico la riscoprì anche come showgirl, grazie a un programma su Canale 5 tutto per lei intitolato 'Hello Goggi', e ad uno spettacolo teatrale con Gigi Proietti, "Stanno suonando la nostra canzone". Tuttavia, per la sua carriera di cantante 'Maledetta primavera' finì per rivelarsi un punto d'arrivo, e non di partenza. "Sarebbe stato facile continuare sull'onda di quella canzone, ma io riesco a dare il meglio di me facendo tante cose, non una soltanto", ha recentemente spiegato in un'intervista.


Autori e interpreti

Interpreti

Loretta Goggi
Nata a Roma 29 settembre 1950, viene assai presto lanciata come bambina-prodigio: a 9 anni, il debutto radiofonico con Corrado, a 13 diventa una presenza ricorrente in programmi della "TV dei ragazzi" e sceneggiati (tra i quali 'La cittadella' del 1966, 'Le inchieste del commissario Maigret' del 1968 e, lo stesso anno, 'La freccia nera', che ne fa una star. Negli anni '70 accantona la recitazione e all'attività di presentatrice affianca quella di doppiatrice (di Ornella Muti ma anche del canarino Titti concupito dal gatto Silvestro) ed imitatrice: strepitose, anche dal punto di vista vocale, le sue imitazioni di Mina e Orietta Berti. La carriera di cantante invece procede con maggiore fatica: anche se molte delle sigle tv da lei interpretate entrano in hit-parade e diventano dei piccoli classici ('Taratapunzi-e', 'Molla tutto', 'Cicciottella', 'Obabaluba'), solo con 'Maledetta primavera', presentata a Sanremo 1981, il pubblico la scopre come cantante. Tuttavia, quell'esperienza avrà uno scarso seguito: negli anni '80 e seguenti la Goggi preferisce proseguire la carriera di presentatrice, salvo cimentarsi col canto in alcune commedie musicali.


Autori

Gaetano Savio - autore - (detto "Totò"), è direttore d'orchestra, autore e compositore. Tra i suoi maggiori successi, "Lady Barbara" di Renato dei Profeti, diversi brani dei Camaleonti, la maggior parte dei pezzi di Loretta Goggi (da "Maledetta primavera" a "Cicciottella") e Massimo Ranieri ("Vent'anni", "Erba di casa mia"). Savio vanta anche un clamoroso successo di vendite con il gruppo goliardico Squallor, messo in piedi con tre amici: il discografico Alfredo Cerruti, il cantante ed autore Daniele Pace, il paroliere Giancarlo Bigazzi.

Paolo Amerigo Cassella- autore- ha raggiunto i primi successi come paroliere con Riccardo Cocciante - firmando 'Bella senz'anima', 'Poesia' e 'Quando finisce un amore' - per poi cominciare a lavorare in coppia con Totò Savio, col quale ha scritto tra l'altro 'Maledetta primavera', cantata da Loretta Goggi.


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin