Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

L'uomo d'oro: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0



"Dal Festival ad oggi non ho avuto un attimo di tregua. Sono stata impegnata tutte le sere. Tutte" (Caterina Caselli)


L'uomo d'oro

1966, A.Guatelli-M.Panzeri-D.Pace, Ed. Di Lazzaro


La primavera del 1966 per la 19enne cantante colpita da straordinaria popolarità grazie a 'Nessuno mi può giudicare' fu un periodo difficile. Soltanto nel mese di marzo, si esibì in 28 serate nei locali di tutta Italia; a luglio ed agosto, le serate diventarono 60 su 61 giorni.

Di fatto, nonostante le quotazioni notevolmente innalzatesi dopo l'apparizione al Festival, la Caselli era costretta a tenere fede a contratti più modesti stipulati in precedenza. Il che spiega la quasi brutale sincerità dell'affermazione rilasciata in un'intervista: "Approfitterò della mia permanenza a Roma per girare anche il mio primo film. Ma non sono tagliata per fare l'attrice, io sono una cantante. Faccio questo film solo perché mi serve a realizzare dei soldi".
Il perdurante successo di classifica di 'Nessuno mi può giudicare' inizialmente consentì di rimandare il 'problema' di trovargli un brano che ne fosse degno successore. Ma a maggio la canzone cominciò lentamente a scendere dalle primissime posizioni, e si rese necessario prendere una decisione. Oggi Caterina Caselli ammette: "Dopo 'Nessuno mi può giudicare' la casa discografica puntava su 'L'uomo d'oro', che era stata scritta dagli stessi autori", ovvero la collaudata coppia Pace & Panzeri, con la collaborazione dell'arrangiatore, il Maestro Alceo Guatelli. Il pezzo, oltre che per la prima facciata del nuovo 45 giri, fu anche in predicato di aggiudicarsi il titolo del film sopra citato, quello del debutto cinematografico della ragazza emiliana. "A me sinceramente piaceva di più 'Perdono', ma per motivi di riconoscenza, fu scelta 'L'uomo d'oro'. Avevo 19 anni, e per quanto fossi per certi aspetti abbastanza matura, non avevo forza né esperienza per far valere il mio punto di vista, così invece di impuntarmi ritenni opportuno ascoltare chi mi consigliava... Il senno di poi mi ha insegnato che la riconoscenza è una buona cosa, ma ci sono vari modi per esprimerla. In ogni caso, 'L'uomo d'oro' era stata scritta appositamente per me, giocando un po' sul soprannome 'Casco d'oro'... Gli autori, come sempre capitava con un giovane artista, cercavano di immedesimarsi, e magari proiettavano qualcosa di se stessi su di me. Forse senza valutare appieno il fatto che 'Nessuno mi può giudicare' aveva creato un certo tipo di aspettative, proponendomi come personaggio che si ribellava alle convenzioni… 'L'uomo d'oro', col suo desiderio di un legame duraturo, spiazzò qualcuno dei miei fans - mai quanto 'Perdono', comunque".

La struttura melodica de 'L'uomo d'oro' somiglia innegabilmente a quella di 'Nessuno mi può giudicare': dall'introduzione orchestrale lenta all'incedere a tempo di "shake" con contrappunto di fiati ed organo. Dal punto di vista vocale, richiedeva un notevole lavoro sulle note basse, ma con qualche guizzo in stile rhythm'n'blues. Iscritto al Disco per l'Estate 1966, il brano si piazzò al quarto posto: a vincere fu 'Prima c'eri tu' di Fred Bongusto - suscitando qualche polemica per come, l'ultima sera, riuscì a recuperare misteriosamente 400 voti a Tony Del Monaco che presentava 'Se la vita è così', e ai Giganti, che lanciarono 'Tema'. A metà giugno 'L'uomo d'oro' entrò nella top ten. Tuttavia, a far decollare le vendite del 45 giri fu il successo del lato "B", 'Perdono', al Festivalbar 1966. Nelle stampe successive, pertanto, quest'ultima guadagnò la fatidica prima facciata del disco.


Interpreti

Caterina Caselli

Nata a Magreta (Modena) nel 1946, dopo essersi "fatta le ossa" in locali quali il Capriccio e il Piper di Roma come cantante e bassista, nel 1966 diventa l'esponente di maggiore successo del beat italiano grazie a "Nessuno mi può giudicare", presentata al Festival di Sanremo. Per diversi mesi il brano domina letteralmente le classifiche di vendita, tanto che al confronto i singoli successivi ("Perdono", "Cento giorni", "Sono bugiarda", "Il volto della vita", "Insieme a te non ci sto più") sembrano avere un impatto minore - anche quando, come 'Perdono', vincono il Festivalbar. Negli anni successivi tenta di uscire dall'immagine del "casco d'oro" beat, interpretando brani d'autore.
Negli anni '70 la sua attività di cantante si dirada, e dopo il ritorno a Sanremo nel 1990 con "Bisognerebbe non pensare più a te", si dedica a tempo pieno all'attività di discografica per l'etichetta Sugar: tra i nomi da lei lanciati negli ultimi dieci anni ci sono Paolo Vallesi, Gerardina Trovato, Francesco Baccini, Andrea Bocelli, Avion Travel, Elisa.


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin