Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

L'ora dell'amore: Storia della canzone testo

Compartir en Facebook

0



L'ora dell'amore

1967, G.Brooker-Carrera-D.Pace-K.Reid, Ed.Aromando


Invitato da un nobile sassone a intrattenere gli ospiti della sua festa di compleanno, nel 1713 Johann Sebastian Bach compose una musica destinata ad essere eseguita, a mo' di commento, dopo una grande battuta di caccia.
Si tratta della cantata BWV 208, all'interno della quale si trova l'aria n.9: 'Schafe können sicher weiden' ('Il gregge pascolerà senza paura'). Nonostante l'argomento - uno dei pochi esenti da ispirazione religiosa - tale musica è diventata molto popolare, soprattutto nel nord Europa, come accompagnamento per le feste nuziali.

Nel 1967, reduci dall'enorme successo di 'A whiter shade of pale', a sua volta ispirata da Bach, gli inglesi Procol Harum introdussero elementi di questa composizione per il successivo 45 giri, intitolato 'Homburg'. Così si espresse la storica rivista britannica New Musical Express nell'occasione: "Questo seguito al recente n.1 degli Harum avrebbe potuto intitolarsi benissimo 'A paler shade of white', perché è molto simile al loro pezzo più famoso. La struttura degli accordi è più o meno quella, e lo stesso vale per la fusione tra un testo contemporaneo e una fuga in stile Bach-Haendel.
Ma laddove in quel caso il riferimento era l'Aria in Re maggiore di Bach, quest'ultimo sforzo sembra poggiare pesantemente su 'Sheep may safely graze' (BWV 208). La linea melodica principale è affidata a un pianoforte molto squillante, mentre il caratteristico, carezzevole organo viene spostato sullo sfondo, enfatizzando più di prima il ritmo, soprattutto con i piatti della batteria. E' un altro disco che entra subito nel sangue - e sarà ovviamente un successo".

In Italia, visto che ai Dik Dik era riuscito il colpo con 'Senza luce', versione di 'A whiter shade of pale' con testo di Mogol, quando apparve 'Homburg' venne subito deciso di fare un tentativo anche con tale brano. Ma nelle vesti di traduttore, a Mogol la casa discografica preferì il giovane Daniele Pace, e ai Dik Dik, i Camaleonti. Questi erano cinque giovani provenienti da varie regioni, che avevano stretto amicizia nel quartiere popolare del Giambellino, a Milano, e che nel 1966 avevano inciso un album di sapore beat, con pezzi di Beatles e Small Faces - ottenendo un discreto successo con 'Sha la la'. Dopo di che, nel gruppo si era verificato un importante avvicendamento: quello tra il cantante Riki Maiocchi e Mario Lavezzi.

"Sicuramente il gruppo cambiò genere, diventando più pop e melodico - ma la cosa fu anche la sua fortuna, credo, visto che 'Portami tante rose' e 'L'ora dell'amore' ottennero subito un grande successo', dice oggi Lavezzi.
"La scelta di 'Homburg' avvenne in linea con quello che era la prassi dell'epoca: le case discografiche italiane erano licenziatarie dei pezzi, un direttore artistico sceglieva le canzoni, e le dava a Tizio o Caio. Oggi i direttori artistici si limitano a fare più o meno da coordinatori delle esigenze degli artisti, ma allora avevano un ruolo molto più ampio e decisivo per la scelta del repertorio. Peraltro c'era una minore circolazione dei brani stranieri, non credo che 'Homburg' in Italia sarebbe riuscita, in versione originale, ad andare al n.1 in classifica come capitò a 'L'ora dell'amore'".

In effetti il 45 giri superò ampiamente il milione di copie, e rimase in hit-parade per undici settimane; è tuttora la canzone più popolare dei Camaleonti.


Interpreti

I Camaleonti - Formatosi nel 1962 a Milano, il gruppo segue inizialmente la strada delle cover di brani stranieri, in particolare il beat inglese: il primo successo è la versione italiana di 'Sha-la-la' degli Small Faces. All'inizio del 1967 Riki Maiocchi lascia il gruppo e Mario Lavezzi si unisce a Livio Macchia, Tonino Cripezzi, Paolo De Ceglie e Gerry Manzoli. Il gruppo ha una svolta melodica che viene premiata dal successo di 'Portami tante rose' e da quello, ancora più eclatante, de 'L'ora dell'amore'. A questa fanno seguito 'Applausi' e 'Viso d'angelo'. Quando nel 1969 Lavezzi lascia il gruppo per fare il militare, i Camaleonti non perdono colpi, e continuano a frequentare la hit parade con 'Lei mi darà un bambino' ed 'Eternità' (quinta a Sanremo '70). Negli anni '70 il complesso subisce la stessa sorte dei gruppi "storici" italiani di fronte alla crescente popolarità delle band straniere, e comincia il declino, nonostante un terzo posto a Sanremo 1979 con 'Quell'attimo in più'. Recentemente il gruppo ha pubblicato un nuovo disco, '2001 ed oltre'.


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin