Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

La croce: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0



“Si resta assai perplessi all'ascolto. Potrebbe essere una interessantissima provocazione o una perfetta idiozia. Voto: ?” (Ernesto Assante e Gino Castaldo, “Repubblica”, 25 febbraio 2000)

“Il brano più originale del festival, una performance sonora straordinaria,
accompagnata da un testo crudo e tagliente. Non canzone, ma prosa ritmica” (Ernesto Assante e Gino Castaldo, “Repubblica”, 26 febbraio 2000)


La croce

2000, A. Bonomo, Ed. Tiber


Succede, a volte, che la critica musicale sia spiazzata da certi artisti.

E’ molto probabile che questo fosse uno degli intenti del cantautore napoletano presentatosi a Sanremo tra le “Nuove Proposte” con una canzone fuori dagli schemi – nonostante la dichiarazione: “Questo è il mio modo di esprimermi, non potrei e non saprei fare altro. Ho scritto il mio brano di getto. Parte da una sensazione forte e dal modo di dire ‘ognuno ha la sua croce’. Da lì ho scritto in maniera istintiva. Anche la musica è nata istintivamente. E’ ossessiva come il testo: manca il ritornello. Sapevo che era una scelta rischiosa, ma l’ho voluta così".
Vale la pena di esaminare altri articoli relativi all’esibizione di Bonomo al Teatro Ariston: “Ieri la curiosità era tutta per la ballata folk rock di Padre Alfonso Maria Parente, per le croci piantate da un marginale e bravissimo Alessio Bonomo ("La croce"). Un poeta visionario e violento”. (Marco Mangiarotti, “Il Giorno”)
“Il pugno nello stomaco e' arrivato dall'indecifrabile napoletano Alessio Bonomo, studente di filosofia, con qualcosa che non appartiene a nessun genere: una invettiva intitolata ‘La croce’ su un ritmo ipnotico e una melodia semirecitata in cui spicca la frase ‘roba da spaccare un palo in mezzo agli occhi’. Alessio Bonomo abbaia un disagio nuovo, profondo, attraverso una metafora: ciascuno di noi falegname, fabbricante di croci che finiscono addosso al prossimo”.
(Mario Luzzatto Fegiz, “Il Corriere della Sera”)
“Ogni anno la sala stampa sceglie un agnello sacrificale. L'anno scorso era il turno del povero Massimo Di Cataldo, che a causa della sua ‘Come sei bella’ è stato insultato dai giornalisti per tutto il Festival.
Quest'anno, invece, tutti si sono accaniti contro Alessio Bonomo, in gara con ‘La croce’, più parlata che cantata. Gridolini, urla, ilarità generale: il giovane ‘cantante’ non è stato risparmiato. Del resto, come Alessio ci insegna, ‘Ognuno ha la sua croce’. Lui è la nostra…” (Dal sito “Rockol.it”)

A ilarità e sconcerto segue evidentemente un ripensamento, visto che il premio della critica intitolato a Mia Martini (espresso mediante un referendum fra tutti i giornalisti accreditati al Festival) vede Bonomo piazzarsi al secondo posto. Meno favorevole invece il responso della giuria popolare: il cantautore partenopeo si classifica a una notevole distanza dalla vincitrice Jenny B. (al quindicesimo posto). La cosa non lo turba: “Non ho un giudizio sul Festival in generale. Lo vedo come un posto dove una persona fa sentire quello che fa. Quindi alla fine si possono dire diecimila cose ma ciò che conta è che in quei 3 minuti, mentre tutti stanno zitti e tu canti, ognuno esprime quello che è, e se si ha qualcosa da dire, anche il Festival va bene”.
Caterina Caselli svela a “Repubblica.it” un retroscena: “Parlando con Alessio Bonomo, gli ho chiesto come si sentisse, che cosa provasse, quali fossero le sue sensazioni prima del debutto a Sanremo. Lui mi ha risposto: 'Mi sembra di essere sul set di un film di Fellini'. E’ esattamente la sensazione che ho provai io quando debuttai con ‘Nessuno mi può giudicare’. (…) Bonomo è un poeta vero, un osservatore, un artista sensibilissimo e sincero che guarda il mondo sempre con quel tocco di poesia in più. Obiettivamente ‘La croce’ è un bel pezzo. Soprattutto il testo è molto forte e per certi versi anche choccante. L'unica difficoltà è stata quella di adattare la poesia alla musica".
Un contributo in tal senso è venuto probabilmente da Fausto Mesolella degli Avion Travel, produttore del primo album di Bonomo. “Con lui è stato davvero bello lavorare perché finalmente non mi sono trovato davanti ad un arrangiatore, visto che il mio modo di lavorare, di concepire musica non è conciliabile con i classici arrangiatori”.


L'autore e interprete

Alessio Bonomo: Nato a Napoli il 13 agosto 1970, diplomato in ragioneria e laureato in sociologia con una tesi su Wittgestein, inizia ad esibirsi a Roma nei primi anni ‘90, e nella capitale incontra il suo futuro manager Renato Venturiero. Nel 1999 pubblica il suo primo singolo, Deserto, prodotto da Fausto Mesolella della Piccola Orchestra Avion Travel. Nel 2000 si presenta al Festival di Sanremo nella sezione Giovani con il brano “La croce”, risultato di un lavoro di ricerca sulla comunicazione svolto con il centro Fabrica di Oliviero Toscani. Successivamente dopo esce il suo primo album “La rosa dei venti”.


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin