Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

Carovane del Tigrai: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0



Carovane del Tigrai

1935, E.Di Lazzaro-G.Mendes. Ed. Melodi


Il Tigrai è un altopiano roccioso, non particolarmente ospitale e per nulla fertile, in territorio etiope; ancor oggi è una tormentata zona di scontri, a causa della prossimità col confine eritreo. Fu in questa regione, e in particolare nel suo capoluogo Adua, che nel 1896 l’Italia di Crispi regalò all’Africa una delle sue pochissime vittorie sull’Occidente, durante il primo tentativo di conquistare l’Etiopia. Dopo aver ottenuto l’Eritrea con il trattato di Uccialli del 1889, le nostre truppe avevano cominciato a sconfinare nelle terre del Negus Menelik. Seccamente sconfitta nelle battaglie di Amba Alagi, Macallè ed Adua, l’Italia attese quarant’anni per effettuare un secondo tentativo. Nel 1935, grazie anche all’utilizzo dei gas (contro le norme di diritto bellico), il fatidico altipiano (quello dal quale la “bella abissina” Faccetta Nera guardava il mare) fu superato, e Vittorio Emanuele III riuscì a diventare Imperatore d’Etiopia.

La cosa ebbe conseguenze anche sul piano musicale: la conquista ispirò canzoni che irridevano il popolo sottomesso e il suo sovrano (“Povero Selassiè”, “C’era una volta il Negus”), ridevano della condanna della Società delle Nazioni (“Sanzionami questo”, “C’è una bella società”), ed enfatizzavano la misteriosa bellezza delle zone conquistate: Nisa, Redi e Leonardi scrissero “Carovaniere”, mentre Giuseppe Mendes ed Eldo Di Lazzaro composero la più nota “Carovane del Tigrai”.

Come accade in “Faccetta nera”, il brano descrive gli italiani non come invasori, ma come benemeriti soccorritori di “chi giammai conobbe libertà”. Se anche l’esercito tricolore fa echeggiare “il rombo del cannon”, ogni schiavo “ascolta col cuore pieno di emozion”. Le sue preghiere sono state ascoltate: la non meglio precisata “schiavitù” avrà termine, e finalmente il popolo africano potrà “andare incontro alla civiltà”.

Di Giuseppe Mendes, autore di “Fiorin fiorello” e “Tango della gelosia”, è un altro brano di successo ambientato in Africa. Abbinando esotismo ed…erotismo, Mendes scrisse infatti insieme a Vittorio Mascheroni la famosa “Ziki-Paki Ziki-Pu”, canzonetta ricolma di doppi sensi, maschilismo e razzismo.

Il coautore, il prolifico Eldo Di Lazzaro, aveva una predilezione per la canzone regionale (La romanina, Rosabella del Molise, Reginella campagnola) ma quando il Minculpop (il Ministero della Cultura Popolare fascista) chiese agli artisti di esaltare l’avventura coloniale, si cimentò anche con il continente nero. L’esempio più noto è “Sul lago Tana”, in cui, esotico per esotico, la zona africana veniva descritta a ritmo di tango. Del resto, Di Lazzaro aveva una particolare inclinazione per una sorta di paesaggismo cantato – in “Reginella campagnola” dipingeva un quadro idilliaco delle aspre montagne abruzzesi, raccontando dell’”Abruzzo tutto d’or” dove “prosperose campagnole discendono le valli in fior”.


Autori e interpreti

Daniele Serra

A rendere celebre il brano fu il cantante Daniele Serra, fino agli anni ’40 uno dei principali interpreti italiani. Era nato in Argentina, ma cresciuto a Milano. Serra, che già nel 1920 incideva dischi con la pionieristica etichetta Fonotipia Italiana, ottenne i suoi maggiori successi con “Gigolò”, “Signorine, sposatevi”, e soprattutto “Creola”, dalle liriche voluttuose e altisonanti: “La lussuria passa come un vento turbinante ed i cuori squassa quella raffica fragrante…”.


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin