Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

Amami se vuoi: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0



"E' proprio un sogno, un sogno particolarmente dolce essere qui a Sanremo, cantare per questo immenso pubblico, sentire gli applausi, poter indossare questi bei vestiti" (Tonina Torrielli)


Amami se vuoi

1956, M.Panzeri-V.Mascheroni, Ed. Mascheroni


Mentre in America, sta esplodendo il rock'n'roll con Bill Haley, Chuck Berry, Little Richard e l'astro nascente Elvis Presley, in Italia il 1956 è, musicalmente parlando, l'anno in cui il Festival di Sanremo comincia a distinguersi come evento discografico.

La televisione ha cominciato a riprenderlo dall'anno prima, e il divismo, con la divisione del pubblico in fazioni che tifano per Nilla Pizzi, Claudio Villa o i loro rivali, è un fenomeno in piena ascesa. Ma chi aspetta il Festival per vedere i propri beniamini riceve un duro colpo: tra Rai e case discografiche esplode la tensione (mai del tutto rientrata…) per il controllo della gara e la scelta dei partecipanti. Con un colpo di mano, l'ente di Stato decide di fare a meno dei discografici e lancia un concorso per voci nuove, cui si iscrivono 6.446 aspiranti cantanti. Le selezioni ne premiano sei, che interpreteranno tutti i brani in gara con un'orchestra a sua volta diretta da debuttanti, i maestri Gian Stellari e George Melachrino.

Tra tutti questi volti nuovi, uno solo diventerà veramente popolare - anche più di quello della 21enne vincitrice, Franca Raimondi ('Aprite le finestre'). L'unica star del sesto Festival sarà infatti l'antidiva Tonina Torrielli, soprannominata la "caramellaia di Novi Ligure" perché lavorava in una fabbrica di dolciumi. La cosa venne tra l'altro sottolineata da un'iniziativa promozionale ante-litteram: durante la sua esibizione, vengono distribuite caramelle al pubblico ("Non ero stata avvertita, e rimasi molto stupita").

Personaggio ideale per quella parte di italiani felice quando il successo premi le persone semplici e schive (e in un certo senso, anticipatrice dei successi di Orietta Berti), la Torrielli ha recentemente ammesso: "Il pubblico si identificò in me, mi ha voluto bene forse perché ero timida, forse perché ero nata da una famiglia modesta: padre operaio, madre casalinga. Dopo le elementari andai in fabbrica a miscelare le essenze delle caramelle. Siccome avevo una bella voce, la fabbrica mi offrì la possibilità di cantare nella corale, poi qualcuno mi iscrisse al concorso per debuttanti Rai… Ricordo la paura di quei giorni: mi licenziai con grande tormento. I proprietari però mi consolarono: se non avessi avuto fortuna mi avrebbero riassunta". (da "La Stampa - Sanremo 50")

Il brano, uno slow con una melodia a presa immediata e un testo per certi aspetti in sottile contrasto con la canzonettistica corrente ("Mi piace tanto baciarti, ma non mi sento di giurarti eterno amore") porta le firme di Panzeri e Mascheroni, accoppiata forte del successo travolgente di 'Casetta in Canadà' (1952). Ottenuta la seconda posizione, arriva al secondo posto anche in hit-parade. Il bilancio finale comunque è positivo per la sola Torrielli: la Rai, di fronte alle scarse vendite dei dischi incisi dai "volti nuovi", decide di tornare sui suoi passi e realizzare il Festival successivo di concerto con le case discografiche. Anzi, poco dopo la kermesse organizzerà una serata "riparatrice" con i leoni di Sanremo, con Claudio Villa e Nilla Pizzi - quest'ultima ne approfitterà per lanciare la propria versione di 'Amami se vuoi', che otterrà un notevole successo in Spagna.


Autori

Vittorio Mascheroni, nato a Milano nel 1895, conobbe il primo successo con "Arturo e Lodovico" (1928), cui fece seguito "Bombolo" (1932), un brano costruito secondo la sua massima: "Il mio è un mestiere che bisogna affrontare ridendo, se si vuol concludere qualcosa di serio". Questa filosofia convergeva con quella di un altro grande della nostra canzone, Mario Panzeri: il sodalizio tra i due partorì, tra le altre, le emblematiche "Casetta in Canadà" e "Papaveri e papere". Tra i brani firmati da Mascheroni non si possono non ricordare "Fiorin fiorello", "Ziki-paki-ziki-pu", "Stramilano", "Adagio Biagio", "Tango della gelosia", "Tre son le cose che voglio da te", "Autunno", "Una marcia in fa" e "Giuro d'amarti così".

Mario Panzeri, uno dei più grandi autori della canzone italiana, ha firmato numerosi successi: solo per ricordarne alcuni, peraltro molto diversi tra loro, si possono citare 'Maramao perché sei morto', 'Pippo non lo sa', 'Non ho l'età', 'Nessuno mi può giudicare' e 'Aveva un bavero'.


Interpreti

Tonina Torielli - Proveniente da una famiglia modesta, nel 1956 Tonina Torrielli fu una delle 16 vincitrici del concorso per debuttanti Rai, e lascia il suo lavoro in un'industria dolciaria - questo spiega il suo soprannome 'La caramellaia di Novi Ligure', datole dai discografici che volevano sfruttare la 'favola' e distribuivano caramelle durante le sue esibizioni. La sua carriera tuttavia fu piuttosto breve: dopo aver goduto di enorme popolarità nei Festival di Sanremo dal '56 al '59 (salì sul podio tre volte, con 'Amami se vuoi', 'Scusami','L'edera'), si ritirò dal mondo della canzone per diventare madre e moglie a tempo pieno.


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin