Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

Ultima notte di caccia: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0



Ultima notte di caccia

1979, C. Facchinetti - V. Negrini, Ed. Suvini Zerboni - Discorso


Fin da quando apparve sull'album 'Viva' (1979, uno dei dischi più fortunati del gruppo) risultò evidente che questo brano sarebbe diventato un classico dei Pooh.

Il particolare impatto sonoro con la band che spinge al massimo il pedale della coralità, la storia suggestiva, l'incedere drammatico e l'estro a briglia sciolta del paroliere Valerio Negrini hanno contribuito a rendere, da vent'anni a questa parte, 'L'ultima notte di caccia' uno dei momenti più attesi dei concerti dei Pooh.

La vicenda, una di quelle che sembrano colpire particolarmente la fantasia di Negrini (basti pensare a 'Inca' o 'La leggenda di Mautoa') è ispirata alla contrastata relazione tra un nativo americano e una ragazza bianca. "E' una storia ispirata ad un racconto che ci venne fatto in Canada", spiega Roby Facchinetti, autore della musica: "Era il 1977, eravamo a Montreal per il nostro tour americano, e fummo portati per la prima volta all'interno di una riserva indiana, a un centinaio di chilometri dalla città. Lì c'era una tribù i cui componenti vivevano ancora secondo le usanze di duecento anni prima. Tra l'altro fu una delle nostre più belle esperienze, perché fummo loro ospiti durante una loro festa tradizionale, molto bella e colorata… E' diventato uno dei nostri classici da concerto, di solito lo inseriamo nella cosiddetta sezione del pop sinfonico, insieme a 'Parsifal' e 'Lettera da Berlino Est')". In oltre vent'anni di concerti, i Pooh hanno sperimentato qualche variante al brano, proponendolo in alcune occasioni in versione acustica, oppure aggiungendo enfasi con tamburi e sonorità etniche. Quest'ultima variante è naturalmente quella preferita dal pubblico, che apprezza particolarmente il "crescendo" finale.

"Sicuramente è uno dei pezzi in cui i Pooh vengono fuori al massimo della loro compattezza, un brano che esalta la capacità di quattro musicisti di fondersi in una canzone", conclude Facchinetti.


Interpreti: i Pooh

A fondare i Pooh nel 1966 sono Valerio Negrini, Mauro Zini-Bertoli, Mario Goretti, Bob Gillot e Gilberto Faggioli (nessuno di loro fa parte della formazione attuale). Nello stesso anno, poco dopo l'uscita del primo 45 giri ("Vieni fuori"), Roby Facchinetti subentra a Gillot e Riccardo Fogli a Faggioli. Nel 1967 Bertoli lascia il gruppo, che diventa un quartetto. Il primo successo, "Piccola Katy" (1968), è seguito dall'ingresso di Dodi Battaglia al posto di Mario Goretti. I primi 33 giri vengono quasi ignorati, e il gruppo rischia lo scioglimento. Invece nel 1971, con due canzoni uscite a distanza ravvicinata, "Tanta voglia di lei" e "Pensiero", quasi inaspettatamente i Pooh esplodono. Anche se nel giro di pochi mesi Valerio Negrini lascia la batteria a Stefano D'Orazio e Riccardo Fogli si mette in proprio (al suo posto giunge Red Canzian), nella prima metà degli anni '70 il quartetto, guidato da Facchinetti (e con Negrini a scrivere i testi dietro le quinte), riesce a consolidare il suo successo, che dura da 30 anni.


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin