Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

Stadium: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0



"Una canzone, per essere ricordata, deve avere un testo breve. Per durare, le canzoni devono essere semplici e toccare il cuore" (Oscar Prudente)


Stadium

1978, O. Prudente, Ed. Sugarmusic


I cori da stadio hanno, in alcuni casi, un'origine evidente - anche se forse non tutti i teenagers saprebbero indicare in 'Guantanamera' la madre di tutti gli apprezzamenti alla propria squadra (ivi compresi quelli negativi, tipo "A lavorare, andate a lavorare…").

In altri casi, invece, nessuno saprebbe individuare l'ispirazione iniziale di una melodia ripetuta con convinzione: si pensi all'aria di 'Amico è' di Dario Baldan Bembo, che i tifosi di una squadra tedesca ascoltarono a San Siro cantata dai tifosi dell'Inter ed importarono in Germania, per poi contagiare i tifosi delle squadre inglesi, ovviamente ignari di chi fosse il compositore originario.

Un caso simile è quello di 'Let's go' dei Routers (1963), brano strumentale di surf-music basato sul battito delle mani - due colpi, poi tre, poi quattro, poi di nuovo due, ripetuti in modo incalzante. E' una sequenza diventata classica - quasi nessuno sa da chi è stata inventata, ma non c'è clacson che non la esegua dopo una vittoria della squadra del cuore o della nazionale. Mutuando la ritmica da questo brano, divenuto ormai un "traditional" delle curve di tutto il mondo, l'ex componente dei Delirium Oscar Prudente scrisse questo brano come sigla per la trasmissione sportiva "Domenica Sprint", in onda negli ultimi anni '70 e nei primi '80. A caratterizzare il pezzo, oltre alla chitarra distorta di Prudente, una voce tenorile che alla maniera del tenore Serafino, tifoso molto popolare negli anni '70, intonava di tanto in tanto una frase che non tutti riuscivano a decifrare - l'autore poi spiegò trattarsi di "Viva viva il goleador".

Tale messaggio (di evidente portata ecumenica) e la scelta di non appesantire il brano di un testo, scelta che probabilmente avrebbe dovuto essere imitata da molti dei cantanti che hanno tentato di comporre inni calcistici, ha contribuito a fare di 'Stadium' un brano "cult".

La consacrazione è avvenuta nel 1996: nonostante "Domenica Sprint" fosse stata cancellata dal palinsesto Rai da parecchi anni, la Gialappa's Band riprese l'immortale ritornello e lo affidò addirittura a Josè Carreras e Cecilia Gasdia per una delle più divertenti sigle di "Mai dire gol".


L'autore

Oscar Prudente, nato a Genova, inizia come batterista di Luigi Tenco; dal 1968 in poi entra a far parte del gruppo di Lucio Battisti. Nel 1972 incontra Ivano Fossati e con lui forma i Delirium; al loro scioglimento, incide con lui l'album "Poco prima dell'aurora", del 1973. Ha collaborato con numerosi artisti italiani e ha suonato tra l'altro alcuni dei brani più noti di Lucio Battisti e Fabrizio De André Come autore ha firmato tra l'altro 'Pensiero stupendo' per Patty Pravo e il maggiore successo dei Delirium, 'Jesahel'. Negli anni '80 ha scritto musiche per spettacoli teatrali e jingles pubblicitari; è stato direttore della scuola musicale fondata da Mogol.


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin