Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

Novecento: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0



"Ci dev'essere stato un giorno in cui tutto è cambiato, il mondo ha voltato pagina, e non ce ne siamo accorti. Mi interessava isolare, fermare un momento storico come questo" (Paolo Conte)


Novecento

1992 - P.Conte, Ed. Sugarmusic/L'alternativa


Dopo "Parole d'amore scritte a macchina" (1990), album curiosamente 'minimalista' e casalingo, privo com'è dei fulminanti andirivieni tra misteriosi luoghi esotici e forse ancora più misteriosi paesaggi di provincia, Conte sembra rimettere in funzione il suo 'Aguaplano', per il suo disco del 1992, '900': una nuova galleria di viaggi nello spazio e nel tempo, a cominciare dal brano che dà il titolo all'album, 'Novecento'.

Un pezzo di mirabile equilibrismo, sia dal punto di vista del testo ("Lassù, sul palcoscenico pleistocenico, sull'altopiano preistorico, prima vulcanico e poi galvanico, dicono che sia tutta una vaniglia, una grande battaglia, una forte meraviglia") che dal punto di vista musicale - un valzer nel quale sembra che tentino di introdursi di soppiatto anche del jazz e persino suggestioni di rap (genere che Conte non ama, ma ammette di aver ascoltato, rigorosamente da musicisti americani). Dimenticate le vaghe sperimentazioni elettroniche del disco precedente, Conte torna alle sonorità che gli sono più congeniali e affida l'esecuzione del brano a 16 "suonatori" (sua definizione), curando personalmente gli arrangiamenti.

Il brano narra del mattino in cui sul mondo comincia a soffiare l'aria del Ventesimo secolo: un'alba segreta su misteriosi altopiani preistorici, abitati da donne piegate su vecchie macchine da cucire e ragazzi che guardano stupiti i primi aerei. "È un paesaggio primitivo, un altopiano pleistocenico. Nel pleistocene erano apparsi per la prima volta i cavalli. In questo paesaggio primitivo ho immaginato che si accendessero delle piccole scintille di elettricità...Ed è anche un mattino americano: scegliendo la musica, il mio punto di riferimento è sempre stato l'America, e l'America vive di Novecento", ha spiegato il cantautore astigiano in un'intervista a Paolo Di Stefano del Corriere della Sera. "L'attualità non mi interessa. Il Novecento non è quello che ho sotto gli occhi, è quello che risuona dentro di me. Nel mio piccolo, ho sempre cercato di inseguire lo spirito di questo secolo. Il Novecento è qualcosa di impalpabile, ha tutto un suo gusto ambiguo, che gli dà un fascino speciale. E' un secolo molto difficile, perché pieno di equivoci… Non avrei voluto vivere in un secolo diverso da questo, anche se è un secolo che idealmente non sarebbe il mio: ogni volta che suono il pianoforte andando per fantasmi, mi vien da dire che forse starei meglio nell'Ottocento, secolo sicuramente più pianistico e più libertario. Il Novecento è stato un secolo terribile, con due guerre mondiali: un secolo equivoco, ma interessante, in cui abitare è stato forse un privilegio, anche se oggi non riusciamo ancora a capirlo".

Per quanto riguarda pubblico e critica, il brano diviene rapidamente uno dei favoriti dei numerosi estimatori di Conte. La critica viceversa si divide. Non è favorevole Mario Luzzatto Fegiz del Corriere della Sera: "Il brano è la conferma del tunnel in cui l'avvocato di Asti è entrato: una strana canzone, che racconta sensazioni a cavallo fra due secoli, in un paesaggio descritto con versi come 'lassù sul palcoscenico pleistocenico sull'altipiano preistorico'. Ahimè, vengono in mente i deliri antiverbali del paroliere di Battisti, Pasquale Panella, o recenti exploit di Baglioni (le 'insolite insolute insalate'). (…) Ora tutto è diventato labirinto psicologico, ermetismo, ma soprattutto manierismo estetico ('Galvanizzato il vento spalancava tutti i garages e liberava grossi motori entusiasmati')". Plaude invece Gino Castaldo, critico de La Repubblica, che fa notare come lo stile di Conte nell'intero album "è caricaturale, indiretto, deformante, obliquo, com'è nelle sue corde; eppure già nella canzone d'apertura, 'Novecento', (vezzosamente scritta in lettere, al contrario del titolo dell'album), si coglie una visione fugace, quasi spiata di sguincio, di questo scorcio di fine millennio, che si apre con 'dicono che quei cieli siano adatti ai cavalli e che le strade siano polvere di palcoscenico...' e poi passa in rivista tra calembour, allitterazioni e fotografie antiche la nostra cultura divisa tra 'spolverini di percalle' e 'grossi entusiasmanti motori', sul ritmo di un avvolgente valzer che tutto travolge e tutto raccoglie in un vortice di sentimenti epocali".


L'autore e interprete

L'astigiano Paolo Conte, uno dei massimi artisti della canzone italiana, ha iniziato la carriera alternando la professione di avvocato a quella di autore di musiche per brani salutati da un notevole successo ("La coppia più bella del mondo", "Azzurro", "Genova per noi", "Onda su onda"). A partire dalla metà degli anni '70 si decide a diventare a tutti gli effetti cantautore. Gli anni '80 sono quelli della consacrazione europea: il suo stile che fonde swing, esotiche milonghe e "fisarmoniche di Stradella" conquista Francia e Olanda; nel 1998 anche l'America si accorge di lui: "Rolling Stone" e il "New Yorker" inseriscono la sua raccolta "The best" tra i 50 dischi dell'anno, il regista Lawrence Kasdan imita Roberto Benigni (che lo aveva fatto in "Tu mi turbi") ed inserisce "Via con me" nel suo film "French kiss" con Meg Ryan e Kevin Kline. Nel frattempo Conte dirada le sue uscite discografiche per dedicarsi al progetto del musical "Razmataz".


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin