Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

Non ho l'età (per amarti): Storia della canzone

Compartir en Facebook

0

Leggi il testo: Link

Non ho l'età (per amarti)

1964, Panzeri-Colonnello-Nisa, Ed. Suvini Zerboni


Gennaio 1964: da più di un anno i Beatles hanno l'Inghilterra ai loro piedi. In America, Bob Dylan ha già scosso la musica pop con il suo brano più noto, "Blowin' in the wind". In Italia si diffondono balli come il twist, il surf, l'hully-gully. E anche Sanremo apre agli stranieri, consentendo loro di cantare accoppiati a un artista italiano. Per questo motivo, al Festival sono dati come favoriti l'alfiere dello "yè-yè" Gene Pitney (che canta "Quando vedrai la mia ragazza" con l'Elvis italiano, Little Tony) o la star di "Diana", Paul Anka (che interpreta "Ogni volta").
Invece, la giuria premia una 16enne "acqua e sapone" che riafferma l'importanza della castità. Grazie anche alla squalifica di Bobby Solo, cui una misteriosa laringite impedisce di eseguire dal vivo "Una lacrima sul viso", Gigliola Cinquetti, nata a Cerro Veronese il 20 dicembre 1947, ammessa in quanto vincitrice del Festival di Castrocaro, si aggiudica la vittoria.
Prima ancora che la melodia, peraltro meno scontata di quanto si pensi, a vincere sono il personaggio e un messaggio del quale gli italiani si appropriano in pianta stabile, magari anche con qualche ironia o un po' di snobismo. Su "Sorrisi e canzoni" Rodolfo D'Intino lo descrisse all'epoca come "Un tema di modesta fattura, ma che ha fatto presa particolarmente sul pubblico televisivo. Si direbbe costruito con i cascami delle canzoni di Francoise Hardy. La Cinquetti bisbiglia con acerba grazia".
Sta di fatto che il brano e la sua interprete sono tuttora conosciuti in tutto il mondo - si calcola che "Non ho l'età" abbia venduto in tutto il mondo più di venti milioni di copie.


Il successo mondiale

Due mesi dopo la vittoria a Sanremo, Gigliola Cinquetti incantò anche il pubblico europeo. Il 21 marzo 1964 a Copenhagen la cantante ottenne con "Non ho l'età" una delle due vittorie italiane all'Eurofestival (l'altra l'avrebbe ottenuta Toto Cutugno nel 1992), manifestazione notevolmente popolare in Europa ma decisamente ignorata dal nostro paese - discografici compresi. A "Non ho l'età" la giuria attribuì 49 punti; il secondo classificato, l'inglese Matt Monro, ne ebbe soltanto 17. Proprio come accadde a Sanremo, l'apparizione di Gigliola all'Eurofestival fece epoca, tanto che nel 1974 fu invitata a partecipare al posto di Iva Zanicchi, che come vincitrice sanremese aveva diritto a rappresentare l'Italia. Nel 1991 gli organizzatori della kermesse europea si fecero vivi un'altra volta, per chiedere alla Cinquetti di presentare l'evento.
Sull'onda del successo ottenuto a Copenhagen, la giovane veronese incise la versione tedesca ("Luna nel blu"), spagnola ("No tengo edad"), e giapponese ("Yumemiru omoi") del brano. Quella inglese ("This is my prayer") fu interpretata da Gabriella Massa, mentre in Olanda il pezzo ebbe addirittura tre interpreti, tra i quali il gruppo comico The Strangers, che si fece beffe del testo. La versione francese della canzone ("Je suis à toi") fu invece interpretata da Patricia Carli, che può essere considerata la dimenticata coprotagonista del successo di "Non ho l'età".
Dal 1953 infatti, per evidenziare la preminenza del brano sui cantanti (si trattava, dopo tutto, del "Festival della canzone") questo veniva affidato a due interpreti - anche se poi di solito uno si imponeva sull'altro: pochi ricordano ad esempio che Johnny Dorelli vinse Sanremo con "Nel blu dipinto di blu". In quella fatidica XIV edizione, "Non ho l'età" fu presentata, oltre che da Gigliola Cinquetti, dalla Carli, nata nel 1938 a Taranto, figlia di italiani residenti in Belgio.
Il suo vero nome era Rosetta Ardito, e l'anno prima si era esibita persino all'Olympia di Parigi grazie al successo di "Demain tu te maries" - brano che in Francia, un po' come "Non ho l'età" in Italia, viene spesso citato ironicamente per il testo melodrammatico. Racconta Gigi Vesigna: "Quando venne annunciato il verdetto del Festival, la Carli era già al ristorante. La raggiunsero per dirle che doveva tornare ad eseguire la canzone. Dall'emozione, alzandosi, si trascinò appresso tovaglia, piatti e posate". Dopo aver cantato "Non ho l'età" in stentato italiano, la 25enne cantautrice ebbe un mancamento per l'emozione. "Je suis à toi" giunse ai vertici delle classifiche d'oltralpe. In seguito, la Carli divenne autrice per altre cantanti - tra le quali Dalida.
Va segnalato che Gigliola venne contattata per realizzare un film ispirato dalla canzone, come spesso succedeva all'epoca (basti pensare a "In ginocchio da te" con Gianni Morandi). I suoi genitori si opposero perché nel copione era previsto che la 16enne cantante baciasse un attore.


Il personaggio

"Di quella vittoria ho un ricordo ancora vivo: la paura immobilizzante", ha raccontato Gigliola Cinquetti, che sul palco venne presa da una leggera ma visibile contrazione ai muscoli facciali del lato sinistro, e pregò il regista di inquadrarla in modo da non riprendere tale spasmo.
"Dopo l'acclamazione, in camerino, mi guardai allo specchio. Il primo pensiero fu: un piatto di pastasciutta. Allora mi dissi: 'Gigliola, comunque vada, il piatto di pastasciutta sarà sempre lo stesso, la tua vita non cambierà per la gente o per i flash. (…) Io ho continuato ad andare a letto alle 9 di sera, non guardavo mai la tv, uscivo con mia sorella: insomma la vita di una sedicenne di allora. (…) Fu pesante, lo ammetto. Ero giovane, facevo ancora il liceo artistico e tutto quel successo non fu facile da gestire. Mi ricordo il primo giorno del Festival, non mi considerava nessuno. Non c'era un giornalista o un organizzatore che mi guardasse o che mi salutasse. Fu dura quando la fama mi rotolò addosso, non c'era nessuno a consigliarmi, a dirmi cosa fare. (…) Non ho compiuto, come la maggior parte delle mie coetanee, il consueto percorso della vita, non ho avuto un'infanzia e poi una giovinezza. Il successo mi ha impedito di crescere, nel momento in cui avevo bisogno di sicurezze c'era troppa gente che invece le chiedeva a me. Fino a 28 anni fu una vita d'inferno".

Nel 1966 Gigliola Cinquetti rivinse il Festival con "Dio come ti amo", in coppia con Domenico Modugno: una foto in cui se ne potevano ammirare le gambe apparve su tutti i giornali, sottolineata da commenti increduli e sarcastici. L'esistenza della ragazza veronese era già allora condizionata da "Non ho l'età", brano che, soprattutto con l'avanzare degli anni della contestazione, era visto come emblema dei valori più tradizionali e passatisti della cultura italiana. La giovane Gigliola che la interpretava veniva contrapposta a Mina o Patty Pravo, ideali femminili considerati molto più complessi e moderni. Ha scritto Marinella Venegoni, critico de "La Stampa": "La Cinquetti resta un'icona immobile della canzonetta: è la mamma di Nikka Costa che cantava 'On my own', la zia di Cristina D'Avena e Ambra, malinconicamente dimenticate appena passata la malattia dell'adolescenza".
Difficile uscire da tale personaggio, conferma la cantante. "Ci fu una campagna denigratoria contro di me quando si seppe che avrei votato radicale, il partito del divorzio e dell'aborto". Né serviva a molto cantare canzoni di Brassens e Piero Ciampi, o essere difesa dall'insigne musicologo Massimo Mila perché canzoni come "Non ho l'età" affermavano "verità modeste, che però permettono di vivere, di tirare avanti tutti i giorni". Gli altri suoi successi (ad esempio, 'Sì', con cui entrò nelle xenofobe classifiche inglesi, "Chiamalo amore", terza a Sanremo nel 1985) non hanno mai disgiunto il suo nome da quello della canzone che la rese celebre.
Forse anche per questo, la sua attività musicale si fece saltuaria (ultima importante rentrée, "Giovane vecchio cuore", scritta da Giorgio Faletti e presentata a Sanremo nel 1995). Gigliola si è cimentata con forse maggiore serenità con le attività di giornalista, presentatrice, e, recentemente, attrice teatrale e cinematografica. Quando nel 1997 fu invitata in tv per ricantare il suo grande successo, rispose ironicamente: "Grazie, ora l'età ce l'ho".


Hanno detto...

"Il mio primo, forte ricordo sanremese risale al '64, cuore dell'evo in bianco e nero e della mia infanzia. Patii fino alle lacrime la vittoria di Gigliola Cinquetti ai danni di Bobby Solo. Confortato dall'opinione di mio fratello, allora giù adolescente, quel verdetto mi parve un'usurpazione. Lo slow presleyggiante del giovane Solo si identificava con la incombente musica giovane, con i mangiadischi, le trepide festicciole, i juke-box. La lagna virginale della Cinquetti (graditissima ai genitori) gli si sovrappose come un veto pudibondo. Gli anni si incaricarono di confondere le carte; messi alle strette dal cambio d'epoca, la Gigliola divenne una bella signora emancipata, Bobby rimase a gorgheggiare strane cose, perfino messicane, surclassato dal beat e dai capelloni. Ma allora, nel fatidico '64, lo choc fu inenarrabile, una specie di restaurazione a tradimento, un rimangiarsi lo slancio liberatorio del '58, quando Modugno e "Nel blu dipinto di blu" stracciarono la favorita "Edera" di Nilla Pizzi, e pareva sepolta per sempre la melodia tradizionale italiana, col suo belporgere, il suo profumo d'amido..." (Michele Serra)

"Io ero un novizio quando arrivai a Sanremo. Assieme a Piero Focaccia e Gigliola Cinquetti venni alloggiato in un sottoscala dell'Hotel Royal. La mattina dopo la trasmissione, ci furono 300.000 richieste per il mio disco, 300.000 per la Cinquetti e altrettante per Focaccia. Così, grazie al successo ottenuto, ci trasferirono in una suite all'ultimo piano dell'Hotel" (Bobby Solo)

"Tutti pensate che vincerà Modugno o Paul Anka, e invece vincerà Gigliola Cinquetti". (Sanremo, 1964: prima della finale, Mina commenta le canzoni del Festival con i giornalisti)

"Una grande interpretazione fa sì che un giurato venga più coinvolto. Penso ad esempio a Gigliola Cinquetti che conquistò con il suo candore di bambina" (Iva Zanicchi)

"Non voglio che mia figlia diventi un mostro sacro, voglio che finisca la scuola" (La mamma di Gigliola dopo la vittoria)

"Spesso i miei amici mi hanno chiesto perchè mi ostinassi a cantare "Non ho l'età", perchè non avessi invece scelto un repertorio meno popolare. Come facevo a spiegare che "La vie en rose", che loro trovavano così raffinata, ai suoi tempi era una canzone davvero popolare?" (Gigliola Cinquetti)


Gli autori

"Non ho l'età" è firmata da Mario Panzeri, vincitore del primo Sanremo con "Grazie dei fior", e Nisa. Dietro questo pseudonimo si nasconde Nicola Salerno, già collaboratore di Renato Carosone (con cui aveva scritto tra l'altro "Caravan petrol" e "Tu vuò fà l'americano"). Ma la canzone aveva un terzo autore: Giancarlo "Gene" Colonnello, che dopo aver composto canzoni per Mina, Milva, Iva Zanicchi e Mia Martini, si staccò gradualmente dal mondo della musica leggera per dedicarsi alla pubblicità. Secondo Gigi Vesigna, decano degli inviati a Sanremo, Colonnello, dovendo scegliere, preferì firmare un altro pezzo in gara al Festival del 1964 (ovvero, "L'inverno cosa fai?", scritta sempre insieme a Nisa e interpretata da Piero Focaccia).


Interpreti

Gigliola Cinquetti
nata a Verona il 20 dicembre 1947.
Esordisce a soli diciasette anni, vincendo il Festival di Sanremo. Alla fine degli anni Sessanta la Rai le dedica uno show in tre puntate, "Io, Gigliola", oltre a uno special di "Senza rete".

Altri interpreti:
Patricia Carli
Enrica Guagnini
Ronny King
Teddy Mertens
Dory Lee
Franck Pourcel


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin