Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

Gong-ho: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0



"Oggi, quando mi metto a scrivere le mie canzoni, certe cose sento di averle già dette, già scritte. E allora, mi viene più naturale scegliere le parole con avarizia. E di dedicarmi con più generosità all'elaborazione della musica, agli arrangiamenti, alla ricerca dell'impaginazione musicale più adatta a ogni singolo episodio" (Paolo Conte, 1992)


Gong-ho

1992 - P.Conte, Ed. Sugarmusic/L'alternativa


'Gong ho', inclusa nell'album 'Novecento' (1992) è una delle più felici e 'filologicamente corrette' passeggiate di Paolo Conte sotto le 'stelle del jazz'. In questo caso il jazz è quello quasi primordiale delle prime band, del suono di New Orleans, delle atmosfere che Conte ha cercato di descrivere nel suo "musical pittorico" 'Razzmatazz'.

"Il mio sogno di musicista era tornare indietro all'età d'oro del jazz. Al periodo classico, nel cui olimpo ci sono Louis Armstrong, Art Tatum, Fats Waller, la stagione che per me si chiude con il 1937: con l'arrivo del be-bop, l'irripetibile istintualità di quei grandi si sarebbe perduta".

Tra i 'grandi', c'è Sidney Bechet, con cui l'autore immagina di conversare attraverso il linguaggio antico della musica. Eccolo precisare l'ispirazione che lo ha guidato in una conversazione con Giacomo Pellicciotti de La Repubblica:

"In uno dei brani più accattivanti dell'album, Gong Oh, il cantautore cita il nome del leggendario batterista Chick Webb, ma in realtà pensa al sax soprano languoroso di Sidney Bechet e al romantico quartiere delle luci rosse di New Orleans. Bofonchia il maestro: 'Io scrivo sempre la musica prima del testo, e in questo caso m'è venuta voglia di ricreare un linguaggio che ho sempre adorato, quello di Bechet appunto. Mi sono dato da fare e, tramite il mio manager francese, ho rintracciato questo sassofonista più vecchio di me, Marc Laferriere, che ricorda molto da vicino il suono di Bechet'".

Per capire l'ammirazione - ma anche la prospettiva critica da vero conoscitore - con cui Conte guarda allo scomparso jazzista, è il caso di riportare questo passaggio scritto dal cantautore medesimo, tratto dal volume "Conte - 60 anni da poeta" (Federico Muzio Editore):
"Negli anni '50 Bechet aveva lasciato l'America e si era stabilito definitivamente in Francia, dove venne accolto con grandissimo affetto. (…) Ora, la vecchia regola creola, strumentale, secondo cui non la tromba, come era prassi normale delle bande tradizionali, sostenesse la parte principale e melodica in orchestra ma piuttosto il clarinetto, venne riproposta da Bechet in una formula esasperata: cioè il suo sax soprano, che è uno strumento per natura abbastanza strano, un ibrido che unisce il drive della tromba alle sinuosità e al dinamismo del clarinetto…il suo sax svettava sopra tutti gli altri con un cantabile che aveva l'autorità lirica e strappacuore che ha il clown bianco nel circo e tutti gli altri erano soltanto un fondale e tutti suonavano in funzione sua, di lui Bechet, primadonna, soprano, un fauno melodrammatico e incandescente".

Il pezzo, apparentemente poco ambizioso e piuttosto trascurato dalla critica, è in realtà uno dei più amati da Conte, che ne ha fatto un appuntamento quasi irrinunciabile nei suoi concerti, oltre ad averlo preteso nel disco con cui qualche anno fa si è presentato al pubblico americano.


L'autore e interprete

L'astigiano Paolo Conte, uno dei massimi artisti della canzone italiana, ha iniziato la carriera alternando la professione di avvocato a quella di autore di musiche per brani salutati da un notevole successo ("La coppia più bella del mondo", "Azzurro", "Genova per noi", "Onda su onda"). A partire dalla metà degli anni '70 si decide a diventare a tutti gli effetti cantautore. Gli anni '80 sono quelli della consacrazione europea: il suo stile che fonde swing, esotiche milonghe e "fisarmoniche di Stradella" conquista Francia e Olanda; nel 1998 anche l'America si accorge di lui: "Rolling Stone" e il "New Yorker" inseriscono la sua raccolta "The best" tra i 50 dischi dell'anno, il regista Lawrence Kasdan imita Roberto Benigni (che lo aveva fatto in "Tu mi turbi") ed inserisce "Via con me" nel suo film "French kiss" con Meg Ryan e Kevin Kline. Nel frattempo Conte dirada le sue uscite discografiche per dedicarsi al progetto del musical "Razmataz".


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin