Letra y Traducción en español de Canciones Italianas · Italian songs lyrics with spanish translation · Testi di canzoni italiane con traduzione in spagnolo

De vez en cuando me preguntan por canciones, discos... si queréis intercambiar o compartir, visitad la página de facebook. GRACIAS

Cantantes


Nombres completos: LINK

Años

Canciones en dialecto


NapoletanoRomanescoSiciliano

About Kara

Adoro escuchar y traducir canciones italianas, y gracias a que soy bilingüe puedo hacerlo personalmente, sin traductores automáticos y manteniéndome fiel al significado original del texto italiano. He creado este blog para poder compartir esta música tan maravillosa con todos vosotros... ¡Sed bienvenidos!
* "Kara Hidden" no es mi nombre real, sólo es un seudónimo.

Amo ascoltare e tradurre delle canzoni italiane, e dato che sono bilingue, posso farlo personalmente, senza traduttori automatici e rimanendo fedele al significato originale del testo italiano. Ho creato questo blog per poter condividere questa musica così meravigliosa con tutti voi... Siate benvenuti!
* "Kara Hidden" non è il mio vero nome, ma soltanto uno pseudonimo.

I love listening and translating italian songs, and because of I'm bilingual, it's something I can do personally, without automatic translators and keeping the original meaning of the italian text. I have created this blog to share this so wonderful music with all you... Be welcome!
* "Kara Hidden" is not my real name, but only a pseudonym.

Archivo del blog

Visitantes desde el 24 Enero 2009

¡¡¡Gracias por vuestra visita!!!

Share
karahidden.blogspot.com

Letra en italiano al lado de traducción:
http://musica-italiana.blogspot.com

MUSICA ITALIANA - Aprende italiano / español con 846

Come prima: Storia della canzone

Compartir en Facebook

0

Leggi il testo: Link

Come prima

1958, E. Di Paola-M. Panzeri-S. Taccani, Ed. La Cicala


Nel 1958, l'Italia canora è scossa da una piccola rivoluzione.

Ad innescarla è Antonio Lardera, un 22enne di Campobasso che incide, col nome d'arte di Tony Dallara, "Come prima". In contrasto con i dettami del bel canto all'italiana, Dallara grida a pieni polmoni il testo della canzone, "singhiozzandone" le sillabe alla maniera di Tony Williams, la voce principale dei Platters. La canzone era stata sottoposta alla commissione selezionatrice del Festival di Sanremo, della quale faceva parte anche il poeta Giorgio Caproni, ma era stata scartata per le sue caratteristiche anomale. In effetti, molti critici gridarono allo scandalo per la aperta rottura con la tradizione del bel canto - ma buona parte del pubblico, soprattutto i più giovani, rimasero affascinati dal nuovo stile, i cui interpreti vennero sprezzantemente definiti "urlatori".
Si trattava in effetti della versione italiana di un fenomeno di origine statunitense. "Come prima" infatti era ispirata al successo dei già citati Platters, la cui "Only you" era diventata inaspettatamente un best seller anche in Italia: 400 mila copie vendute (per il nostro mercato, un record. All'epoca, solo 40.000 copie costituivano un miracolo). Il successo del quintetto americano aveva indotto molti a pensare che si potesse azzardare una versione italiana della loro formula. Primo fra tutti, Walter Gürtler, il discografico che li aveva lanciati in Italia.

Le due piccole rivoluzioni di "Come prima" sono allora le stesse di "Only you" e di "The great pretender" dei Platters. Dallara, invece di "porgere" la canzone la interpreta ad alta voce, intercalando qua e là alcuni tipici "singhiozzi" alla Tony Williams. Inoltre in sottofondo si sente il piano dividere la nota in tre rapidi colpi che ne fanno uno strumento da accompagnamento ritmico in grado di trainare il brano più del contrabbasso, e conferire movimento a una canzone lenta, un cosiddetto "slow". E' il cosiddetto stile "terzinato", ovvero una sequenza di brevi note uguali tra loro che consentono di tenere il tempo contando "un, due, tre, un, due tre".


Nascita della canzone

Sulla genesi di "Come prima" ci sono versioni contrastanti.

Una è quella raccontata da Giorgio Berti e riferita da Gianni Borgna nella sua "Storia della canzone italiana": gli autori (Di Paola, Taccani e Panzeri) la proposero a Gürtler, alla ricerca di materiale italiano da incidere. Si trattava di un brano lento che non incontrò i favori dell'editore, alla ricerca di una "Only you" italiana. La canzone gli era parsa troppo melensa, tanto da fargli commentare: "Una nenia così è capace di cantarla anche il mio fattorino". Al che, secondo la leggenda, un collaboratore avrebbe suggerito di fare il tentativo e chiamare il fattorino - Antonio Lardera, che con un'interpretazione in stile Platters conquistò la stima del datore di lavoro.
Tuttavia Bruno De Filippi, chitarrista dei Campioni, ricorda la faccenda in modo molto diverso. Sull'onda del buon riscontro delle incisioni in napoletano, Gürtler accarezzò l'idea di ripetere l'esperimento in italiano. "Come prima" sarebbe dunque nata incaricando gli autori di sfornare una canzone sulla falsariga del lavoro già svolto dal gruppo. Inoltre, a quanto ricorda De Filippi, Tony Dallara non è mai stato il fattorino di Gürtler, anche se ad occupare tale mansione fu effettivamente un aspirante cantante. Si trattava infatti di Michele Scommegna, diventato in seguito famoso con il nome d'arte di Nicola Di Bari.


Curiosità

L'idea di ricalcare il modello dei Platters era venuta in quel periodo, oltre che al discografico Walter Gürtler, anche ai Campioni, formazione che in precedenza faceva country and western di ispirazione americana con il nome di Rocky Mountains.
Con il nuovo stile "terzinato" i Campioni avevano inciso, con discreto successo, un disco di canzoni in napoletano. Su suggerimento del direttore artistico dell'etichetta Saar, Ezio Leoni, tentarono apertamente la carta dell'imitazione dei Platters. Il loro cantante era proprio Antonio Lardera, già allora sulla lunghezza d'onda del gruppo vocale americano. Nel gruppo militava tra gli altri Bruno De Filippi, semileggendario musicista italiano, che ha attraversato varie epoche musicali dando sempre un contributo noto quasi solo agli addetti ai lavori (scrisse "Tintarella di luna" e incise "Volare" con Modugno, accompagnò Louis Armstrong a Sanremo e Mina negli ultimi concerti, ha collaborato con Pino Daniele e jazzisti del calibro di Lionel Hampton). Da segnalare che nel 1964 nel gruppo fece il suo ingresso un giovane chitarrista di nome Lucio Battisti.

Anni fa Paolo Villaggio ha raccontato:
"Nel 1962 facevo l'intrattenitore sulle navi da crociera. Con me c'era Fabrizio De André, che era il cantante-chitarrista di un gruppo che si chiamava Crazy Cowboy and Sheriff One. Alle due di notte dicevamo: siamo stanchi, andiamo a dormire, ma chi vuole trattenersi può andare giù nella tavernetta, dove c'è il nostro cantante confidenziale. (…) Il suo pezzo forte era 'Come prima'. Si chiamava Silvio Berlusconi". La canzone sembra essere stata il "pezzo forte" anche di un altro politico, Umberto Bossi, la cui prima esperienza sentimentale fu a quanto pare caratterizzata dalle note del brano di Dallara.


Un successo povero

Nonostante le 250.000 copie vendute, qualche anno fa Tony Dallara ebbe a dire che da "Come prima" aveva ottenuto una cifra equivalente a 100.000 lire di oggi.

A quanto pare, dopo il "boom", Gürtler si pentì e gli regalò una Mercedes, ma come spesso succedeva all’epoca, con l’industria discografica ai primi passi e cantanti non ancora smaliziati come quelli odierni, tutti i diritti andarono alla casa discografica. Fu solo a partire dagli anni ’70 che gli interpreti cominciarono a guadagnare cifre davvero ragguardevoli. Non è questo pensiero tuttavia a suscitare i maggiori rimpianti a Dallara, che in un’intervista tratta dal volume "Sanremo 50" afferma: "Sono amareggiato quando non mi riconoscono come il primo innovatore, l’artista che picconò la canzone italiana. Sono stato anche l’unico cantante ad avere in classifica contemporaneamente sette brani: oltre a "Come prima", erano in hit-parade anche "Ti dirò", "Julia", "Ghiaccio bollente", tanto per dirne alcuni. E mi dispiace quando fanno una trasmissione su Raiuno per celebrare i 50 anni di Sanremo e non solo non mi invitano, ma non ricordano neanche che ho vinto nel 1960 con ‘Romantica’. Queste cattiverie mi amareggiano. I guadagni no. Sono importanti, ma non contano".


Interpreti

Tony Dallara

Vero nome Antonio Lardera, nasce a Campobasso il 30 giugno 1936.
Re degli urlatori, nel 1958 pubblica i suoi primi successi, Ti dirò e Come prima. Nel 1960 vince assieme a Renato Rascel il festival di Sanremo con Romantica.

I maggiori successi:

Ti dirò (1958)
Come prima (1958)
Julia (1959)
Ghiaccio bollente (1959)
Romantica (1960)
Bambina bambina (1961)


Fonte: Link

0 COMENTARIOS:

Publicar un comentario en la entrada

Bienvenid@! / Benvenut@!
Escribe un comentario / Lascia un commento

¡Gracias por tu visita!

 
846 y
seguimos
gracias
a tod@s
Traductor@s
"Kara Hidden"
Pedro González
Manuela Putzu
Gelos Gelos
Beatriz Demarchi
Maria Giovanna
Federica Biosa
Davide Zanin